Notizie - 17th August 2017
Tags:

Perché corro

copertina

Sull’ultimo numero del periodico britannico “The Observer” c’era un interessante inserto sulla corsa. Tra i vari articoli presenti una indagine sul perché della corsa con domande a vari personaggi della scena politica, sociale e mediatica della Gran Bretagna. Ovviamente, era presente anche Paul Sinton-Hewitt, il fondatore di parkrun.

Ecco la parte relativa alla sua intervista:

 

Da quanto tempo corri?

Ho corso in pista e cross al liceo e ho fatto parte di un running club quand’ero ventenne, prima di inserirmi nella vita lavorativa e trasferirmi a Londra nel 1992. Poi ci fu una interruzione ma ripresi a correre nel 2000 e mi misi a correre le maratone. Mi stavo allenando con l’intento di scendere sotto il muro delle 2h30 ma mi infortunai in maniera seria. contemporaneamente ebbi delle brutte esperienze sul lavoro e nella vita privata. La vita appariva piuttosto buia allora e la corsa divenne il modo migliore per uscire da una spirale negativa. Non ero in grado di correre bene, ma potevo raccogliere i miei amici al parco e vedermi con loro una volta alla settimana. Così iniziai un evento, una 5K gratuita a Bushy Park, vicino a dove vivo a Sud-Ovest di Londra, che terminava con un caffé. Tutto ebbe inizio nel 2004 e divenne sempre più grande. Resistetti all’idea di ingrandirmi per anni finché un amico non mi convinse a far partire una seconda corsa a Wimbledon nel 2007. Adesso più di un quarto di milione di gente prende parte a più di 1.100 corse in 14 paesi ogni sabato.

 

Perché corri?

Correre è sempre stato per me il modo di bilanciare le mie emozioni, raccogliere i miei pensieri e risolvere problemi. Ho provato la meditazione ma ho smesso perché già ricevevo gli stessi vantaggi con la corsa.

 

Hai dei consigli per chi inizia a correre?

Corri in modo da divertirti. E’ uno sport duro e può facilmente diventare impegnativo. Può sembrare che solo chi è già predisposto naturalmente a correre può bilanciare lo sforzo e il dolore di raggiungere qualcosa con la gioia di averlo raggiunto. Ma molte persone non sono corridori naturali, perciò, per apprezzare la corsa, bisogna a volte rallentare un pò, o diventare tutt’uno con la natura. Oppure correre insieme ad altri.

 

Qual è il tuo posto preferito per correre?

Deve per forza essere Bushy Park, dove tutto ha avuto inizio. Si trova proprio dietro casa e vado ancora a correre lì almeno tre volte a settimana. E a meno che non stia correndo parkrun il sabato mattina, non faccio mai lo stesso percorso.

 

Paul Sinton-Hewitt è un londinese di origine sudafricana e il fondatore di parkrun (parkrun.com), la raccolta mondiale di corse settimanali gratuite di 4 km. Live a Twickenam con sua moglie e due figli.

Condividi con gli amici:

Partecipa alla discussione:

copertina

Perché non organizzi anche tu un evento parkrun?

  Abbiamo fatto partire 7 eventi in Italia da quando abbiamo iniziato questa avventura, con molti altri eventi in preparazione ed in attesa del lancio nei prossimi mesi.   Leggiamo spesso commenti sui social media da parte di chi è un pò deluso di non avere la possibilità di partecipare ad un evento vicino casa….

copertina

Due svedesi a Firenze parkrun

  Pubblichiamo con molto piacere il resoconto della partecipazione di Göran Strömstedt e Jenny Andersson a Firenze parkrun dello scorso 25 novembre, alla vigilia della Maratona del capoluogo toscano.   Questo fine settimana siamo andati a Firenze per correre l’ultima maratona dell’anno. Con mio grande piacere abbiamo scoperto che anche qui c’è parkrun.   Venerdì sera…