Vita da parkrunner - 12th October 2017
Tags:

Modalità “spirito parkrun”!

copertina

 

Il 30 settembre Firenze parkrun: il primo parkrun in Toscana, ed io non potevo mancare!

 

Vivo a Lucca da più di due anni, in questo periodo sono tornata a Roma, mia città d’origine, ma ci tenevo ad essere presente a questa prima “special edition”.

 

La prima volta che ho sentito parlare di parkrun è stato a Palermo: era marzo 2016 ed ero lì per raccogliere testimonianze e documentazione per la mia tesi tra Sport e Valori, così ho conosciuto il presidente del parkrun Italia. Quella volta avevo il volo di ritorno prenotato per il venerdì e quindi non ho potuto partecipare al parkrun Uditore, quella domenica avrei invece corso a Roma la mia prima Roma-Ostia.

 

Pochi mesi dopo, ad ottobre, ero di nuovo a Palermo, e quella volta partecipai al mio primo parkrun: mi ricordo la semplicità di quella mattinata, l’atmosfera allegra e allo stesso tempo la perfetta organizzazione dei volontari che hanno cronometrato il tempo di ognuno.

 

Questi stessi “ingredienti” ho trovato a Firenze, al parco delle Cascine: come prima edizione direi che la partecipazione è stata da record, con più di 70 persone, il lavoro dei volontari all’arrivo e lungo il percorso è stato fondamentale ed è funzionato alla perfezione!

 

parkrun stupisce proprio perché ideato, voluto e organizzato (portato avanti nelle singole città) da volontari; è partito da Londra, si è diffuso e continua a diffondersi nel mondo. E’aperto a tutti perché tutti possono percorrere 5km in un parco il sabato mattina alle 9.00: non importa ritmo, età, preparazione atletica … quello che unisce i parkrunners è il semplice spirito del fare movimento insieme. Certo, chi sabato dopo sabato continua a cimentarsi sullo stesso percorso, potrebbe anche prendere l’appuntamento come una piccola “sfida personale” per migliorarsi: sono davvero tanti gli stimoli che parkrun trasmette!

 

Io pratico atletica leggera a livello agonistico e certo le sensazioni, il viso, l’animo sul nastro di partenza di una gara competitiva sono ben diversi rispetto a emozioni, viso e animo nell’attesa della partenza di un parkrun; quel fine settimana mi è capitato di vivere, un giorno dopo l’altro, entrambe le emozioni. Sabato 30 settembre a Firenze, con il sorriso, tra le chiacchiere ed il conoscere nuove persone tra toscani e non, e tanti stranieri che conoscono parkrun ed erano lì. Domenica 1 ottobre gara in Emilia Romagna e lì invece si parla meno e ci si concentra di più, per tirare fuori il massimo e magari arrivare sul podio, com’è successo domenica.

 

Per me è importante vivere sempre anche l’aspetto semplicemente gioioso e rigenerante del correre: lo spirito parkrun! Sono sempre più convinta che lo Sport arricchisca la nostra persona: se io non avessi dentro quegli “ingredienti-valori” di semplicità, passione, benessere che parkrun insegna, non credo avrei la forza mentale e la costanza che occorrono per allenarsi e costruire risultati.

 

W lo spirito parkrun!!!

 

Federica Proietti A2842373

Condividi con gli amici:

Partecipa alla discussione:

copertina

Perché non organizzi anche tu un evento parkrun?

  Abbiamo fatto partire 7 eventi in Italia da quando abbiamo iniziato questa avventura, con molti altri eventi in preparazione ed in attesa del lancio nei prossimi mesi.   Leggiamo spesso commenti sui social media da parte di chi è un pò deluso di non avere la possibilità di partecipare ad un evento vicino casa….

copertina

Due svedesi a Firenze parkrun

  Pubblichiamo con molto piacere il resoconto della partecipazione di Göran Strömstedt e Jenny Andersson a Firenze parkrun dello scorso 25 novembre, alla vigilia della Maratona del capoluogo toscano.   Questo fine settimana siamo andati a Firenze per correre l’ultima maratona dell’anno. Con mio grande piacere abbiamo scoperto che anche qui c’è parkrun.   Venerdì sera…