Uncategorized - 26th October 2017
Tags:

Ai nuovi e ai futuri Direttori d’Evento parkrun

copertina

 

Caro nuovo Direttore d’Evento parkrun,

 

Sappiamo tutti quanto tu ti sia impegnato. Hai lavorato duramente. Hai trovato il posto adatto. Un gruppo di amici disposti a seguirti anche in questa avventura. Ci hai quindi contattato tramite l’apposito sito o hai scritto direttamente alla mia mail. Aldo ti ha fatto una visita per verificare il percorso e misurarlo accuratamente con la rotella metrica. Dietro nostro consiglio hai individuato a quale Ente rivolgersi per ottenere le necessarie autorizzazioni e hai cercato di seguire la pratica per fare in modo che non si impantanasse nelle sabbie mobili della burocrazia. Hai finalmente gioito dopo aver appreso della notizia del “nulla osta” da parte dell’amministrazione locale e ti sei sentito un pò come Tom Cruise in “Mission Impossible”!

 

Pensi di aver ormai superato i peggiori ostacoli e che il peggio sia alle tue spalle, quando ti si ricorda che devi compilare il modello di descrizione dell’evento. Ed è in questo momento che ti rendi conto che ci sono ancora molti dettagli ai quali non avevi nemmeno pensato. Dopo diversi giorni invii la versione accuratamente compilata con la descrizione del tuo evento, pieno di orgoglio e di soddisfazione per aver completato la documentazione, in attesa di vedere online la tua pagina web. E poi ti si chiede di completare il documento della valutazione dei rischi. E allora realizzi che ci sono ancora tonnellate di dettagli da prendere in considerazione.

 

Poi arrivano tutte le attrezzature. Sei eccitato e preoccupato allo stesso tempo mentre apri i vari pacchetti. Ti chiedi se stai facendo la cosa giusta. Non c’è più il tempo di tornare indietro! Tutto ciò sta realmente accadendo!

 

Finalmente, puoi ammirare la pagina web del tuo evento parkrun per la prima volta e la tua pagina parkrun su Facebook. A questo punto ne hai già parlato con tutti quelli che conosci. Ora è il momento di divulgare il tuo progetto anche a quelli che non conosci!

 

Non rimane che concentrarti sul training dei programmi di gestione dell’evento. Dopo parecchi tentativi e spiegazioni, dopo aver aperto e chiuso diversi programmi, collegato e scollegato parecchi cavi, premuto molti tasti e cliccato con il mouse dappertutto, ti senti veramente pronto ad elaborare i risultati, o almeno così pensi.

 

Quando comincia ad avvicinarsi il fatidico giorno dell’inaugurazione, sei veramente stressato. Hai passato delle notti insonni domandandoti se avrai abbastanza volontari, se ci sarà un numero dignitoso di partecipanti, o magari, al contrario, come farai a gestire qualche centinaio di parkrunner?! Ti chiedi chi te l’ha fatto fare. Avevi veramente bisogno di questo stress aggiuntivo nella tua vita? Ne varrà davvero la pena?

 

La risposta è sì!!! Ne vale la pena! Ogni secondo del tempo dedicato al tuo nuovo impegno!!!

 

Ogni sabato mattina, quando vedrai arrivare i volontari, desiderosi di fare tutto il possibile per aiutarti a rendere questo evento un successo, ti renderai conto che ne è valsa la pena.

 

Ogni volta che vedrai un nuovo parkrunner sistemarsi sulla linea di partenza, con l’aspetto di un bambino di sei anni al suo primo giorno di scuola, non ben consapevole di come utilizzare il suo codice a barre, ma con gli occhi allegri di chi si sta divertendo in maniera molto semplice, saprai che ne è valsa la pena.

 

Ogni volta che un turista parkrunner verrà a partecipare al tuo evento, giunto magari da migliaia di km di distanza con il principale obiettivo di inserire la partecipazione al tuo evento nella sua collezione, che ammonta magari a molti più eventi di quanti tu ne abbia organizzati, e si presenta con un enorme sorriso stampato sulle labbra e con grande entusiasmo, realizzerai quanto ne sia valsa la pena.

 

Ogni volta che un parkrunner sprinterà sulla linea di arrivo per cercare di battere il suo miglior tempo personale, e non nasconderà la sua soddisfazione nel realizzare di aver raggiunto un nuovo PB, capirai che ne è valsa la pena.

 

Ogni volta che un parkrunner tornerà a casa dopo l’evento, con un sorriso, con orgoglio e con soddisfazione, saprai che ne è valsa la pena.

 

Ogni volta che riconoscerai il volto di un parkrunner ritornato per partecipare ancora una volta, di qualcuno che si diverte veramente a parkrun, che è felice di aver appreso del tuo evento e di trovare così lo stimolo e la motivazione per tenersi attivo almeno nel week-end, realizzerai che ne è valsa la pena.

 

Caro nuovo Direttore d’Evento parkrun, possa il tuo evento avere un grande successo e farti sentire orgoglioso che tutto il tuo duro lavoro abbia davvero pagato.

 

Benvenuto in famiglia! W parkrun!

 

Giorgio Cambiano,

Country Manager

parkrun Italia

Condividi con gli amici:

Partecipa alla discussione:

copertina

La IV edizione della Caffarella Parkrun

DA ABITARE A ROMA.IT - 14 ottobre 2018. Articolo di Aldo Zaino.   La corsa che sarà replicata il 20 ottobre ha tra gli scopi: fare attività sportiva, familiarizzare, riconquistare importanti valori umani, valorizzare i Parchi   Sabato 13 ottobre 2018 ho aderito all’invito dell’amico Luciano Giovannini per cercare di divulgare le iniziative del Parkrun tramite foto e descrizione dell’evento…

Webp.net-compress-image7

I primi eventi parkrun

Questo sabato 6 ottobre 2018, i parkrunner in tutto il mondo festeggeranno la Giornata Internazionale di parkrun (International parkrun Day), che segnerà 14 anni dalla nascita del primo evento, svoltosi a Bushy Park – Londra il 2 ottobre 2004.   Da allora, parkrun è cresciuto fino a più di 1.650 eventi ogni settimana, in 20 paesi…