Riconoscimenti - 6th December 2017
Tags:

parkrunner del mese – Novembre

copert

 

Con novembre torniamo a Uditore parkrun per ritrovare lo spirito parkrun in uno dei più assidui frequentatori dell’evento, che ha pure creduto nel progetto parkrun Italia sin dall’inizio.

 

Signore e signori, ecco a voi il parkrunner del mese di novembre:

 

Mario

 

 

Nome: Mario Romeo.

 

Club: -.

 

Età: 76.

 

Home run: Uditore

 

Occupazione: Commercialista.

 

Corsa su strada o trail?: Trail.

 

Numero di partecipazioni: 57.

 

Numero di volontariati: 3.

 

Ruolo preferito da volontario: Cronometrista.

 

Cosa fai quando vai al parkrun: Cammino veloce.

 

Come parkrun ha cambiato il tuo modo di interpretare la corsa: Da oltre due anni, ormai, ogni sabato ci ritroviamo alle 9 del mattino per camminare/correre i 5 km che ci fanno sentire campioni e ci regalano ogni volta nuove emozioni. La consapevolezza di correre/camminare su un’area sottratta alla cementificazione, e verificare che la presenza di parkrun valorizza e arricchisce le potenzialità del parco e quindi la vivibilità della città mi gratifica come cittadino.  E l’incontro con runner che arrivano a Palermo dai luoghi più lontani, dalla Russia, l’Australia, l’Inghilterra e al parco Uditore si sentono tra amici come a casa loro, mi fa sentire membro di una comunità di oltre 4 milioni di individui che per stare assieme non hanno bisogno né dello stesso colore della pelle né della stessa lingua o della stessa religione. E infine l’irresistibile potere di contagio che Uditore parkrun  ha avuto in tutto il paese. Da Milano a Firenze a Roma all’Etna tanti parkrun nei quali ogni sabato alle 9 si parte per 5km di corsa/cammino. Una grande piacevole emozione.

 

Cosa ti piace di più di parkrun: La condivisione.

 

Il ricordo più memorabile o la cosa più divertente di parkrun: L’avvio di parkrun a Palermo.

 

Cosa dicono di lui: Serio, affidabile, galantuomo. Con Mario ci si può mettere la mano sul fuoco che non ti deluderà mai. Sia quando si rende disponibile come volontario che quando, col suo passo veloce intervallato da tratti di corsa, decida di partecipare sul percorso, state sicuri che la sua presenza non passerà inosservata. parkrun Italia gli deve molto per essere stato uno dei primi a crederci e per continuare a supportare parkrun con ogni mezzo a sua disposizione. Grazie Mario!

 

Mario si guadagna anche un bell’omaggio: una T-shirt ufficiale con i colori parkrun e la personalizzazione di Uditore, che siamo sicuri indosserà con piacere. Congratulazioni!

 

 

maglietta Uditore

Condividi con gli amici:

Partecipa alla discussione:

Senza titolo-1

I medici inglesi “prescrivono” parkrun ai propri pazienti!

  In Gran Bretagna, i medici di base saranno incoraggiati a consigliare parkrun e potranno iscrivere i propri pazienti a parkrun, come forma di prevenzione e come “terapia” di supporto, per ridurre i medicinali.   I benefici dell’attività fisica, soprattutto all’aria aperta, sono noti già da tempo e si sono dimostrati particolarmente rilevanti nella prevenzione…

copertina

La Sicilia meta preferita dai turisti parkrunner

  Non si è ancora spenta l’eco del passaggio del fondatore Paul Sinton-Hewitt e del magnifico gruppo di parkrunner stranieri dagli eventi Etna parkrun e Favorita parkrun che già altri visitatori si apprestano a prepararsi ad un nuovo sbarco sulla nostra bella isola!   L’agenzia di viaggi Exodus, infatti, uno degli sponsor di parkrun UK, ha…