Uncategorized - 24th January 2018
Tags:

La newsletter Gennaio 2018

copertina

 

Cosa ci porterà questo nuovo anno?

 

E’ la domanda che ci si pone tutti, nella speranza di vedere esaudite molte delle aspirazioni e dei progetti che, magari, non hanno avuto molto successo nell’anno passato.

 

Non possiamo certo lamentare uno scarso successo di parkrun in Italia, che va crescendo come numero di registrati, come partecipanti e diffusione sul territorio.

 

Ma i segnali che abbiamo fanno già prevedere un 2018 ancora più entusiasmante.

 

Molti sono i nuovi eventi che andranno ad allargare l’offerta in Italia, già da questa primavera, e sempre più si percepisce che la formula di parkrun sta facendo breccia anche da noi.

 

E’ bello far parte di un movimento internazionale che permette di condividere gli stessi valori e lo stesso spirito in 19 paesi del mondo!

 

Potrai leggere degli scambi di visite tra l’Italia e la Germania o tra la Svezia e l’Italia, resoconti che fanno trasparire tutta la gioia di ritrovare lo stesso ambiente del parco di casa anche a migliaia di chilometri di distanza.

 

Nella visione di Paul Sinton-Hewitt, il grande fondatore di parkrun, c’è sempre stata l’idea di diffondere la sua creatura quanto più possibile, in modo tale che un giorno chiunque avrebbe avuto la possibilità di fare un pò di moto, in un ambiente gradevole e sicuro, vicino casa propria.

 

Se ti capita di dare un’occhiata alla distribuzione degli eventi parkrun nel Regno Unito potrai renderti conto che lì, con circa 400 località e più di due milioni di registrati, tale obiettivo è pressoché raggiunto.

 

In Italia abbiamo ancora molto da lavorare ma, con l’entusiasmo di molti volontari e l’interesse sempre maggiore delle varie comunità, faremo passi da gigante, già da quest’anno!

 

Anche l’aiuto di chi sta credendo nel progetto parkrun è indispensabile. In questo numero puoi leggere della convenzione con Treedom. Da questo mese anche tu potrai contribuire a piantare degli alberi nelle foreste parkrun e, allo stesso tempo, a far crescere parkrun in Italia.

 

Buona lettura e W parkrun!

 

Giorgio Cambiano,

Country Manager

parkrun Italia

Condividi con gli amici:

Partecipa alla discussione:

copertina

Quinta tappa del Giro d’Italia parkrun

L’ormai famoso Giro d’Italia parkrun, dopo le tappe di Foro Italico parkrun, Etna parkrun, Salento parkrun e Roma Pineto parkrun è passato per Firenze parkrun.   Ancora una volta, attenti a quei due! Rob Mills e Gemma Fordyce si sono divertiti un sacco nella stupenda città toscana, e ci raccontano la loro esperienza di seguito, con il resoconto della quinta tappa del Giro d’Italia parkrun, liberamente…

copertina

Quarta tappa del Giro d’Italia parkrun

  Dopo Foro Italico parkrun, Etna parkrun e Salento parkrun è giunto il momento di Roma Pineto parkrun!   La nostra fantastica coppia – Rob Mills e Gemma Fordyce – risale lo stivale, di parkrun in parkrun, raggiungendo la capitale.   Ecco di seguito il resoconto della quarta tappa del Giro d’Italia parkrun, da una libera traduzione dall’inglese. Buona lettura!  …