Dicono di noi - 4th January 2017
Tags:

Camminare di nuovo con un esoscheletro: “Così ce l’ho fatta”

copertina

DAL SITO “robotiko.it” - dicembre 2016

 

Camminare con un esoscheletro. Di nuovo. Ricominciare a camminare dopo un incidente o una malattia invalidante grazie a un dispositivo robotico.

 

Franco Tonoli in questa intervista ci racconta come funziona un esoscheletro e come si sta riprendendo la sua vita grazie a un esoscheletro Rewalk. Tonoli è un supersportivo, innamorato della montagna. Praticava l’alpinismo, e lo scialpinismo agonistico. Poi nel 2012 un grave incidente, la paraplegia, la sedia a rotelle. Quindi la rinascita grazie a Rewalk. E la sua grande sfida: Franco cercherà di percorrere con un esoscheletro i cinque chilometri di una corsa cronometrata, la Parkrun, e stabilire il nuovo primato mondiale.

 

Come funziona un esoscheletro per disabili?

L’esoscheletro – spiega Tonoli – è una struttura indossabile capace di sostenerci e farci camminare grazie ai motori posizionati nelle articolazioni delle anche e delle ginocchia. I motori sono comandati da un software che muove le gambe come una camminata umana. La persona controlla il movimento con piccoli spostamenti del suo baricentro. Un’inclinazione in avanti del tronco e si fa il primo passo. Più movimenti del corpo generano una sequenza di passi.

 

Quali sono i benefici nell’utilizzo di un esoscheletro come Rewalk?
I benefici sono molti: l’uso dell’esoscheletro migliora tra l’altro il funzionamento cardiovascolare, la respirazione, il funzionamento dell’intestino e della vescica, riduce le lesioni da decubito. La prima volta che si usa un esoscheletro si ha una sensazione particolare che ti ricorda i bei tempi passati, quando si stava ‘in piedi’.

 

È difficile imparare a usare un esoscheletro?
Le difficoltà sono nell’abituarsi a coordinare i movimenti, trovare il centro di gravità e seguire i movimenti della macchina. Una sensazione che svanisce con l’abitudine.

 

Come scegliere il modello di esoscheletro adatto alle proprie necessità? Perché lei ha scelto Rewalk?
Purtroppo fino a oggi non ci sono molte possibilità di scelta perché i pochi modelli di esoscheletro esistenti sono ancora  prototipi o esoscheletri adatti per essere utilizzati nelle strutture di riabilitazione.

 

Esoscheletro Rewalk, dove si può noleggiare o comprare

In Italia dopo un periodo di tirocinio – spiega Franco Tonoli – l’esoscheletro può essere noleggiato o acquistato. Per l’esoscheletro Rewalk In entrambi i casi ci si può rivolgere alla Rewalk Robotics di Reggio Emilia. Per informazioni si può consultare il sito progettiamoautonomia.it

 

Ci dà un’idea del prezzo di un esoscheletro Rewalk?
Si parte da 55 mila euro nella versione standard , il prezzo sale per le versioni più evolute.

 

camminare-con-un-esoscheletroFranco, a questo punto ci parli della Parkrun e di come si sta allenando…
L’idea è nata dopo la conoscenza di Matteo Di Felice, uno dei promotori della Parkrun che ha fatto scattare in me la molla. Visto il mio attaccamento allo sport mi sono detto: perché non provare? Così sono partito con l’allenamento, che consiste nel camminare con l’esoscheletro. Questo tipo di robot al massimo riesce a percorrere non più di 2 chilometri orari. Parola d’ordine: camminare, camminare, camminare.

 

E poi sta portando avanti un’altra iniziativa, una raccolta fondi per comprare un esoscheletro Rewalk.
L’idea è nata grazie ad amici che un bel giorno hanno deciso con la mia approvazione di farsi promotori di una raccolta di fondi. L’obiettivo è quello di far conoscere gli esoscheletri e sensibilzzare l’opinione pubblica all’utilizzo di questi dispositivi robotici. Insomma vogliamo andare oltre il semplice valore dei soldi e della semplice raccolta di fondi.

 

Può dare dei consigli a chi vorrebbe sostituire la carrozzina con un esoscheletro? A chi rivolgersi per la prima volta?
Sostituire la sedia a rotelle con un esoscheletro è un’operazione prematura. Probabilmente il sogno diventerà realtà con il tempo, Ma chissà quanto tempo dovrà ancora trascorrere. Intanto chi vuole provare per la prima volta un esoscheletro deve contattare una delle cliniche riabilitative che hanno in dotazione questo dispositivo. Da lì potrà iniziare il suo tirocinio.

 

Per maggiori informazioni e per contattare Franco Tonoli puoi collegarti al suo sito Internet FrancoRewalk

Condividi con gli amici:

copertina

parkrunner del mese – Giugno 2019

  Ed eccoci alla consueta amata rubrica del parkrunner del mese.   Questa volta ritroviamo una coppia meritevole di questo ambito riconoscimento e ritorniamo, dopo nove mesi, nel bellissimo evento toscano di Firenze parkrun!   La coppia in questione si è scatenata nel rispondere alle consuete domande e vi preannuncio una piacevole e divertente lettura.  …

copertina

La newsletter Giugno 2019

Per il mese di giugno abbiamo il piacere di ospitare l’editoriale di Max Fava, ED del più frequentato evento d’Italia: Milano Nord parkrun.   Terzo evento parkrun ad aprire in Italia, vanta molti primati, tra cui senz’altro quello di ospitare, sabato dopo sabato, nutrite schiere di turisti parkrunner.   Ma sentiamo direttamente dalle parole di Max le…