Dicono di noi - 17th January 2017
Tags:

PARKRUN, ALLENARSI PER IL MONDO

triathlete

DALLA RIVISTA “Triathlete” - gennaio 2017 – articolo di Silvana Lattanzio

 

Untitled-TrueColor-03

 

Corse e camminate in gruppo nei parchi cittadini, in 14 Paesi del mondo: per conoscere i luoghi, per conoscere le persone. L’idea nasce 12 anni fa a Londra e si espande a macchia d’olio in molte nazioni, mantenendo fisse alcune cose: percorso di 5 km, orario di partenza ore 9, sempre di sabato, gratuità dell’iscrizione. Così arriva anche in Italia, grazie all’iniziativa di Giorgio Cambiano che, conosciuto il fondatore Paul Sinton-Hewitt e col suo consenso, crea il 1° percorso Parkrun a Palermo; ben presto le repliche a Rimini, Milano e Palermo ancora. Unica e sempre valida è l’iscrizione agli eventi Parkrun, che dà diritto a partecipare a tutte le corse organizzate ogni sabato in tutto il mondo. Una volta terminata l’iscrizione, si riceve un’email con un link per la propria area riservata dove scaricare un codice a barre da portare agli eventi per il cronometraggio del proprio tempo, con tanto di classifica. Ecco i numeri dal mondo:

percorsi 94 milioni di km in 19 milioni di corse da quasi 2 milioni di partecipanti, in più di 1.000 parchi. Notevole!

Per info: www.parkrun.com; www.parkrun.it (S.L.)

Condividi con gli amici:

copertina

Uno sguardo indietro a 15 anni di parkrun

  Sabato 2 ottobre 2004, 13 corridori e cinque volontari si diedero appuntamento a Bushy Park a Teddington, Londra, per una corsa di 5 km, gratuita e cronometrata, conosciuta allora come Bushy Park Time Trial.   Non potevano immaginare a cosa avevano dato inizio.     15 anni dopo, oltre quattro milioni di singoli individui in…

copertina

parkrunner del mese – Settembre 2019

  Questo mese torniamo al Nord per incontrare uno dei più assidui frequentatori di Milano Nord parkrun.   L’evento lombardo è quello che riesce a radunare ogni settimana più di cento partecipanti e detiene il record italiano di presenze con ben 230 parkrunner (evento #153 del 7/9/2019).   Con tanta gente al parco c’è bisogno di…