Vita da parkrunner - 22nd July 2018
Tags:

Visita al parkrun du Bois de Boulogne

copertina1

 

Uno degli aspetti più interessanti di parkrun è senz’altro la sua internazionalità. Questo ti consente di avere continui rapporti con parkrunner provenienti dalle parti più svariate del mondo, che vengono nel parco che frequenti abitualmente per non perdere l’abitudine di correre parkrun al sabato mattina. Allo stesso tempo, ti da la possibilità di visitare città straniere con un’attrazione in più: quella della partecipazione ad un parkrun locale, con tutto ciò che questo implica.

 

Così, in viaggio a Parigi per festeggiare degnamente il nostro venticinquesimo anniversario di matrimonio, io e Loredana non ci siamo lasciati scappare l’occasione di fare un salto all’evento parkrun più vicino, quello  del parkrun du Bois de Boulogne.

 

Il caso ha voluto che, proprio quel giorno, ci fosse tra i partecipanti anche Harneshpal Singh Bhullar KARAMJIT SINGH,  più familiarmente noto come Harry Harnesh, uno degli organizzatori dell’evento malese di Taman Pudu Ulu, a Kuala Lumpur.

 

La presenza di Harry, che ha partecipato alla corsa, mentre i suoi genitori hanno fatto da volontari, è stato un bonus per me, che avevo avuto modo di conoscere la splendida iniziativa del gruppo malese che ha portato anche nel loro paese parkrun.

 

Insieme agli amici malesi

 

Ovviamente, correre all’interno del favoloso parco del Bois de Boulogne, in una splendida atmosfera, tipica dei parkrun, con una moltitudine di corridori e camminatori locali e stranieri ha aggiunto alla nostra vacanza a Parigi qualcosa di prezioso, che difficilmente dimenticheremo.

 

Mentre correvo lungo i bei viali del parco Loredana svolgeva il ruolo di Marshal per indicare a tutti i partecipanti la direzione da prendere.

 

In realtà l’abilità dei volontari e le indicazioni sul percorso hanno fatto sì che tutto si svolgesse nel migliore dei modi.

 

I grandi alberi frondosi hanno mantenuto la temperatura entro limiti sopportabili e tutti abbiamo terminato soddisfatti delle nostre performance.

 

Al termine non poteva mancare la foto ricordo con la bandiera di parkrun!

 

 

In definitiva, un altro tassello da collocare saldamente tra i miei ricordi più belli ed un consiglio per eventuali parkrunner che dovessero passare da queste parti: non fatevi scappare l’occasione di partecipare al parkrun du Bois de Boulogne!

 

 

Condividi con gli amici:

copertina

parkrunner del mese – Luglio 2019

  Per quanto, soprattutto negli ultimi tempi, la Gran Bretagna non si sia meritata molta stima, in particolar modo da parte dei suoi cugini europei, è innegabile che da lì siano venuti molti importanti contributi al benessere della civiltà occidentale. Uno di questi è sicuramente parkrun, ed i sudditi di sua maestà hanno dimostrato di…

copertina

Innamorarsi di Lucca… e di Mura di Lucca parkrun!

Riceviamo, e molto volentieri pubblichiamo, l’esperienza di una parkrunner inglese rimasta entusiasta della sua esperienza a Mura di Lucca parkrun, dopo essersi innamorata dell’affascinante città di Lucca.   Di seguito una libera traduzione in italiano e, per chi lo preferisse, l’originale in inglese.     Era da un po’ che non facevo un parkrun, ma…