Dicono di noi - 21st October 2018
Tags:

Consigli per stare bene

lucca

DAL GIORNALE “IL TIRRENO” - 11/10/2018 - Jeanne Perego

 

Cammini, parli e corri

La Toscana scopre il fascino del parkrun

Gli appuntamenti il sabato mattina alle 9 a Lucca e Firenze

Presto i raduni si dovrebbero tenere anche a Montecatini

 

L’appuntamento è sempre uguale in tutte le 1600 località del mondo che partecipano all’iniziativa: alle 9 del sabato mattina. E la location, ovviamente, è un parco. Perché parkrun (si scrive così, tutto minuscolo) è il progetto internazionale di corse e camminate collettive che si tengono nel verde, lontane dal traffico e dalle congestioni della vita cittadina. A Firenze, Lucca e – probabilmente presto – anche a Montecatini – come a Milano, Londra, Berlino e Singapore. La formula è identica: ci si ritrova e si corre o si cammina insieme, cronometrati, su un percorso di 5 chilometri.

Non è una gara, non c’è spirito competitivo, non si paga nulla per partecipare, vige solo la voglia di fare un sano e facile esercizio fisico con tante altre persone che hanno lo stesso interesse, con il sorriso sulle labbra e assistiti da un gruppo di volontari che sono presenti per ogni necessità. “Partecipare fa bene al corpo ma anche alla mente – sottolinea Stefano Lorenzetti, l’event director della parkrun che si svolge ogni sabato mattina sulle Mura di Lucca – stimola il senso di aggregazione. A Lucca abbiamo partecipanti dai 4 anni (ovviamente accompagnati) agli 80 anni. Sulle Mura ci sono sempre andati a correre tutti, in solitaria con le cuffiette alle orecchie, ma con questa formula si condivide il piacere dell’allenamento e si diventa parte di una grandissima community”.

L’idea della parkrun è nata a Londra 14 anni fa, quando un gruppo di 13 amici si trovò al Bushy Park per correre insieme cronometrando i rispettivi tempi. L’idea piacque talmente tanto da diventare un’abitudine e sempre più persone, capitate lì per caso o per passaparola, man mano si sono aggiunte. Paul Sinton-Hewitt, uno dei 13 iniziatori, ne ha fatto una formula precisa che si è espansa a macchia d’olio in 20 Paesi. In Italia è arrivata nel 2015 grazie all’ingegnere navale palermitano Giorgio Cambiano.

Condividi con gli amici:

copertina

parkrunner del mese – Giugno 2019

  Ed eccoci alla consueta amata rubrica del parkrunner del mese.   Questa volta ritroviamo una coppia meritevole di questo ambito riconoscimento e ritorniamo, dopo nove mesi, nel bellissimo evento toscano di Firenze parkrun!   La coppia in questione si è scatenata nel rispondere alle consuete domande e vi preannuncio una piacevole e divertente lettura.  …

copertina

La newsletter Giugno 2019

Per il mese di giugno abbiamo il piacere di ospitare l’editoriale di Max Fava, ED del più frequentato evento d’Italia: Milano Nord parkrun.   Terzo evento parkrun ad aprire in Italia, vanta molti primati, tra cui senz’altro quello di ospitare, sabato dopo sabato, nutrite schiere di turisti parkrunner.   Ma sentiamo direttamente dalle parole di Max le…