Notizie - 26th March 2019
Tags:

Tutto quello che volevi sapere su parkrun ma che non hai mai osato chiedere

copertina

 

Abbiamo in media più di 80 nuove registrazioni a parkrun in Italia ogni settimana, un numero sicuramente destinato a salire man mano che il clima primaverile porterà sempre più persone a fare attività fisica all’aperto.

E molti di questi nuovi corridori sono pieni di domande su come funziona parkrun – cosa succede quando mi presento ad un evento il sabato mattina e se è veramente tutto gratis.

Ecco qui sotto le risposte a quelle domande che volevi porre, ma che forse non hai mai osato farlo…

 

foto1

 

Non sono mai stato a parkrun prima, come funziona?

È molto facile!

Se è la prima volta che partecipi a parkrun è una buona idea presentarsi 15-20 minuti prima della partenza, in modo da avere la possibilità di ascoltare il briefing che facciamo per i nuovi corridori e di chiacchierare con i volontari , il che ti farà sentire a casa.

Si parte tutti insieme e ognuno completa il percorso al proprio ritmo, che sia correndo, facendo jogging o camminando. Quando arriverai al traguardo ti verrà dato un token, un piccolo tagliando con un numero su di esso, che corrisponde alla posizione riportata. Porgi il token e il tuo codice a barre personale all’addetto alla scansione ed il gioco è fatto!

Ora puoi fare due chiacchiere con i tuoi compagni di corsa e andare al bar a prendere un caffè.

 

foto caffe

 

Come ottengo il mio tempo se non ho un chip?
Tutto grazie all’ingegnoso sistema di cronometraggio parkrun! Tutto ciò che usiamo sono:
- un cronometro, fatto scattare alla partenza e poi al passaggio di ogni corridore sul traguardo.
- token numerati, che distribuiamo ai corridori in ordine di arrivo; cioè il primo corridore all’arrivo ottiene il gettone numero 1, il secondo ottiene il numero 2 e così via
- uno scanner che utilizziamo per scansionare il codice a barre dei corridori e il token che hanno ricevuto dopo che hanno attraversato il traguardo.

Sia il cronometro che lo scanner hanno connessioni USB che utilizziamo per scaricare i file dei tempi e di scansione su un computer in cui utilizziamo un software brevettato parkrun per unire questi file ed elaborare i risultati.

Ultimamente parkrun ha pure sviluppato una app, sia per sistemi Android che iOS, che simula cronometro e scanner e rendere il lavoro di acquisizione dati più semplice e veloce.

 

9a

 

Come mai parkrun è gratuito? Qual è il trucco ?!
Non c’è trucco! Ogni evento è organizzato da volontari e i costi correnti per ciascun evento sono minimi.

parkrun HQ, che ha sede nel Regno Unito, aiuta a supportare eventi in tutto il mondo, con i considerevoli e crescenti costi IT necessari per supportare oltre 1700 eventi e oltre 300.000 partecipanti ogni settimana.

Qui la sponsorizzazione è stata di vitale importanza per aiutare a finanziare tutto il sistema e mantenere parkrun gratis per tutti, per sempre.

Siamo inoltre estremamente grati al nostro sponsor nazionale, IdeeGreen, che ha creduto a parkrun Italia sin dall’inizio, e ai nostri sponsor locali, come Allianz Palermo, il cui contributo permette di sostenere i costi delle attrezzature, della pubblicità e di tutte le operazioni utili a diffondere parkrun su tutto il territorio nazionale.

 

foto

 

Il percorso è davvero di 5 km?
Sì, abbiamo verificato personalmente la lunghezza di ogni percorso con una rotella metrica (odometro) per accertarci che siano lunghi esattamente 5 km.

Ma ricorda che parkrun non è una gara, è una corsa/camminata amichevole dove la velocità è relativamente importante per tutti noi!

 

ruota

 

Perché devo portare il mio codice a barre stampato?
Una delle domande che riceviamo più di frequente! E’ l’unica cosa che chiediamo alle persone di portare a parkrun, quindi non dimenticare il tuo codice a barre!

E se non hai accesso a una stampante, chiedi al tuo team dell’evento via email o nella pagina Facebook di parkrun e scoprirai che di solito c’è qualcuno nella fantastica comunità di parkrun disposto a darti una mano!

 

4-million

 

Posso usare il mio codice a barre in altri parkrun o funziona solo nel mio solito evento?
Il tuo codice a barre funziona in ogni parkrun in tutto il mondo. È il tuo passaporto per oltre 1700 eventi in 20 paesi del mondo (presto 21 con l’arrivo del Giappone!).

 

Devo fare il volontario? Non voglio sentirmi in colpa se non lo faccio!
Nessuno è costretto a fare il volontario a parkrun – è esattamente quello che dice il nome: un volontario!

Alcune persone fanno volontariato ogni settimana, alcune persone non fanno mai il volontario e alcune persone si offrono occasionalmente. Vogliamo sottolineare che fare il volontario può essere divertente e gratificante per molte ragioni: è sociale, da soddisfazione, è divertente incoraggiare tutte le persone che partecipano ed è bello restituire qualcosa al tuo parkrun locale. Puoi fare il volontario quando vuoi – se sei infortunato, se hai una gara più tardi quel giorno, se è il tuo turno di prenderti cura dei tuoi figli mentre il tuo partner corre, o se ritieni che sia un buon momento per te. Tu solo decidi, liberamente.

 

volontari roma pineto

 

Adoro parkrun! Cosa posso fare per aiutare?
E’ fantastico che ti diverta parkrun! Ci sono molti modi in cui puoi aiutare. Prima di tutto, continua a spargere la voce su parkrun! Il passaparola è il modo più efficace per far scoprire a nuove persone parkrun. Quindi, se ti piace, puoi fare volontariato in uno dei nostri eventi: ci sono un sacco di compiti diversi da svolgere, sono molto semplici e ti verrà sempre mostrato cosa fare. E se ami davvero parkrun, allora perché non diventare un direttore di corsa ed essere responsabile del tuo evento locale una settimana? Renderai davvero magico il tuo rapporto con parkrun!

Condividi con gli amici:

copertina

parkrun: un taglio all’autismo

DAL SITO DE LaGazzettadelloSport - 5 aprile 2019 a cura di Gian Luca Pasini   In 15 città italiane il 6 aprile parkrun, con i suoi eventi attivi (https://www.parkrun.it/events/), sostiene la campagna “Un taglio per l’Autismo”, che ha come testimonial il campione di salto in alto Gianmarco Tamberi   L’articolo completo sul sito di http://incodaalgruppo.gazzetta.it

copertina

parkrunner del mese – Marzo 2019

  Anche l’ultimo – solo in ordine di tempo – evento parkrun d’Italia vede riconosciuto il titolo di parkrunner del mese ad uno dei suoi più assidui frequentatori.   Stiamo parlando di Terme parkrun, il delizioso evento di Montecatini Terme, e di una altrettanto deliziosa parkrunner!   Facciamo dunque conoscenza dell’ennesima persona speciale che rende così…