Uncategorized - 27th March 2019
Tags:

La newsletter Marzo 2019

copertina

Dopo la divertente presentazione di Salento parkrun, dedichiamo l’editoriale di marzo all’evento che, da quasi due anni, si tiene nel Parco delle Cascine, in quella che è un pò considerata la capitale dell’arte in Italia e forse nel mondo, e che è meta di tanti turisti, molti dei quali parkrunner.

Avrete tutti capito che stiamo parlando di Firenze parkrun!

 

Firenze parkrun è stato il sesto parkrun nato in Italia, il 30 settembre 2017.

 

Perché un parkrun a Firenze?
A Firenze ci sono tantissimi turisti, studenti e lavoratori che amano correre. E’ stato semplice ipotizzare la nascita di un punto di ritrovo che unisse la loro passione per la corsa con la passione per lo sport che anche i fiorentini hanno. A Firenze infatti in moltissimi amano camminare, correre o andare in bicicletta e parkrun è stato fin da subito promosso come un luogo di incontro tra culture diverse, unite nello sport, all’interno di quelle piccole regole che parkrun richiede affinché tutto funzioni al meglio.

 

Quanti sono i parkrunner?
Oggi gli iscritti a Firenze parkrun sono oltre 1.000 persone e ogni sabato sono quasi 50 i parkrunner che camminano o corrono percorrendo i 5 K di parkrun.
Una delle caratteristiche di Firenze parkrun è la praticamente perfetta parità di iscritti tra donne e uomini della quale siamo molto contenti. Ci piacerebbe che aumentassero anche le presenze dei bambini così che la corsa possa unire le famiglie, ogni sabato mattina, per un momento di attività salutare.
Inoltre oltre 2.000 persone seguono Firenze parkrun su Facebook e oltre 400 su Instagram, rendendo queste pagine le più seguite tra tutti i parkrun d’Italia con tanti splendidi commenti che sono il più bel regalo che i parkrunner possano farci.

 

Come viene gestito?
Senza chi cammina o corre con parkrun non ci sarebbe motivo di realizzare un parkrun, ma senza i volontari non sarebbe possibile realizzare nessun parkrun.
Come in ogni parkrun, tutti noi siamo volontari che, quando possiamo, ci svegliamo il sabato mattina alle 7:30 per consentire a tutti di correre in sicurezza e allegria il proprio parkrun.
Ogni volontario è anche un runner che ha piacere e bisogno di correre e quindi è sempre utile farsi avanti, proponendosi ogni tanto come volontari, cercando quindi ogni tanto di dare il cambio ai volontari più assidui. Basta mandare un’email a firenze@parkrun.com. C’è sempre bisogno e ci divertiremo insieme.

 

Com’è il percorso?
Tutto nuovo!!!
Abbiamo inaugurato proprio sabato 16 marzo 2019 il nuovo percorso di Firenze parkrun perché nel corso del mese di aprile saranno attivate delle telecamere che non ci avrebbero consentito di arrivare agevolmente al punto di partenza usato in precedenza.
Adesso invece il nuovo percorso, sempre all’interno del parco delle Cascine di Firenze è: ancora più facilmente raggiungibile, adiacente ad un’area giochi per bambini al cui interno organizziamo il ristoro finale (offerto da tutti, volontari e parkrunner, portando ciascuno qualcosa da casa), dotato di fontana di acqua potabile, vicino ai servizi igienici e completamente all’ombra! Meglio di così!!! Vi aspettiamo presto per provarlo di persona e divertirci insieme a Firenze parkrun!

 

Lorenzo Lombardo,

Event Director

Firenze parkrun

 

Condividi con gli amici:

copertina

parkrun: un taglio all’autismo

DAL SITO DE LaGazzettadelloSport - 5 aprile 2019 a cura di Gian Luca Pasini   In 15 città italiane il 6 aprile parkrun, con i suoi eventi attivi (https://www.parkrun.it/events/), sostiene la campagna “Un taglio per l’Autismo”, che ha come testimonial il campione di salto in alto Gianmarco Tamberi   L’articolo completo sul sito di http://incodaalgruppo.gazzetta.it

copertina

parkrunner del mese – Marzo 2019

  Anche l’ultimo – solo in ordine di tempo – evento parkrun d’Italia vede riconosciuto il titolo di parkrunner del mese ad uno dei suoi più assidui frequentatori.   Stiamo parlando di Terme parkrun, il delizioso evento di Montecatini Terme, e di una altrettanto deliziosa parkrunner!   Facciamo dunque conoscenza dell’ennesima persona speciale che rende così…