Notizie - 25th April 2019
Tags:

La app parkrun Virtual Volunteer

copertina

È passato poco più di un anno dal lancio dell’app parkrun Virtual Volunteer, che consente ai volontari di parkrun di registrare i tempi e di scansionare i codici a barre utilizzando un dispositivo mobile.

 

James Kemp, Responsabile Operativo di parkrun Global, ci spiega l’impatto che l’app ha avuto finora in tutto il mondo e il ruolo vitale che svolgerà nella nostra crescita futura.

 

 

Tempo fa abbiamo notato che c’erano alcune app fatte in casa, che venivano utilizzate in alcuni eventi per registrare i tempi ed effettuare la scansione. Ne abbiamo esaminato alcune e mi è piaciuta molto una app realizzata da una piccola azienda in Australia, per il loro parkrun locale.

 

Abbiamo pensato che sarebbe stato fantastico per noi avere una app ufficiale che avremmo potuto offrire a tutti gli eventi, così ci siamo messi in contatto con loro ed è nato il Virtual Volunteer.

 

foto1

 

Per noi è importante che le funzioni di scansione e di cronometraggio siano le più semplici possibili e facili da usare e siamo soddisfatti di quanto realizzato finora. Anche se i parkrunner devono ancora presentare un codice a barre stampato o un braccialetto, l’utilizzo di questa nuova tecnologia aumenta l’affidabilità dei nostri risultati e riduce la quantità di apparecchiature che devono essere immagazzinate, trasportate e gestite dai team degli eventi.

 

E sicuramente, mentre apriamo oltre 400 nuovi eventi all’anno in tutto il mondo, l’app Virtual Volunteer ci permette di ridurre in maniera massiccia i costi finanziari e logistici e di sostenere la nostra volontà di mantenere parkrun gratuito, per sempre, per tutti.

 

Nel dicembre 2017, parkrun è stato inaugurato in Germania – questo è stato un momento fondamentale nella storia di parkrun in quanto è stata la prima volta che un nuovo paese fosse operativo solo grazie ad una app, il che significa che tutti gli eventi in tutto il paese operano senza l’hardware tradizionale di cronometri, scanner e laptop.

 

Anche in Giappone, dove parkrun è appena iniziato, sarà tutto gestito attraverso app.

 

foto 2

 

 

Ma non sono solo i nuovi paesi ad utilizzare l’app…

 

In Australia, tutti i nuovi eventi utilizzano esclusivamente l’app Virtual Volunteer e molti altri territori attorno al mondo parkrun stanno cercando di adottare questa nuova tecnologia. Alcuni eventi nel Regno Unito stanno ora utilizzando l’app in esclusiva, mentre molti altri lo utilizzano insieme agli scanner e ai cronometri tradizionali.

 

Varsity Lakes parkrun,  in Australia, ora usa l’app. L’assiduo volontario Michael Balch ha dichiarato: “Non sono un tecnico, quindi ero nervoso quando è uscita, ma ora ho piena fiducia nella app e i risultati sono disponibili più rapidamente.

 

Come cronometrista posso vedere immediatamente i risultati nel file e durante l’evento è davvero utile poter vedere le sei volte precedenti che ho registrato nel caso qualcuno si chiedesse quale fosse il loro tempo. Nel complesso si tratta di un grosso miglioramento.”

 

Nel frattempo, nel Regno Unito, Jen Fairwood è il Co-Direttore d’Evento a Clitheroe Castle junior parkrun: “Stiamo usando l’app Virtual Volunteer da un pò di tempo. Per la scansione ha il vantaggio di essere in grado di verificare che la scansione del token di posizione e del codice a barre personale sia effettivamente avvenuta.

 

L’elaborazione dei risultati è un po ‘più veloce anche con l’app in quanto non è necessario connettere i vari dispositivi al nostro computer quando elaboriamo i risultati.”

 

foto3

 

Abbiamo anche sperimentato delle involontarie conseguenze positive nell’uso dell’app Virtual Volunteer. Ad esempio, le persone non udenti o con problemi di udito sono in grado di ricevere feedback visivi su chi è stato o non è stato scansionato, contribuendo a rendere il volontariato a parkrun ancora più accessibile.

 

Stiamo continuando a migliorare e sviluppare l’app Virtual Volunteer per aggiungere ulteriori miglioramenti, con l’aggiornamento più recente che aggiunge sette nuove lingue.

 

Perché non la scarichi pure tu, se non lo hai già fatto? Puoi fare pratica a casa per abituarti al suo uso, e poi offrire i tuoi servizi presso il tuo evento locale. Siamo sicuri che saranno lieti di darti il benvenuto nella squadra dei volontari!

 

 

 

James Kemp

Global Operations Manager

parkrun

Condividi con gli amici:

copertina

La “Corsa per la Memoria” su BALARM

DAL SITO DI BALARM - 17 maggio 2019   Per Paolo, Giovanni e gli altri: a Palermo la seconda edizione della “Corsa per la Memoria”   Mantenere viva la memoria e il ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e di Via D’Amelio: a 25 anni dai terribili attentati, torna a Palermo la “Corsa per la Memoria”.   L’articolo completo…

casi quotidiani

Al via la II edizione della Corsa per la Memoria

DAL SITO CasiQuotidiani - 17 maggio 2019 – pubblicato da Simona Merlo Domani 18 maggio, alle 9, prenderà il via la II edizione della Corsa per la Memoria, corsa/camminata ludico-motoria di 5 chilometri in ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e via D’Amelio e di tutte le vittime innocenti delle mafie.     L’articolo completo sul sito di casiquotidiani.it