Notizie - 14th November 2019
Tags:

Correre in qualsiasi misura riduce sensibilmente il rischio di morte

copertina

Un ulteriore motivo per partecipare a parkrun, mettendosi in moto anche soltanto una volta a settimana, ci viene fornito dall’associazione dei medici britannici, che hanno pubblicato un interessante articolo sul loro organo di stampa ufficiale.

 

Di seguito ne proponiamo una libera traduzione. Si può trovare la versione in lingua originale qui.

 

 

Ci si può aspettare verosimilmente sostanziali miglioramenti in salute e longevità della popolazione se più gente incominciasse a correre, affermano i ricercatori.

 

Una analisi aggregata delle prove disponibili, pubblicata online sul British Journal of Sports Medicine, rivela che qualunque quantità di corsa è collegata a un rischio significativamente più basso di morte per qualsiasi causa.

 

Se più persone iniziassero a correre – senza correre distanze troppo lunghe o velocemente – probabilmente ci sarebbero miglioramenti sostanziali nella salute della popolazione e nella longevità, concludono i ricercatori.

 

Non è chiaro quanto sia buona la corsa per evitare il rischio di morte per qualsiasi causa e in particolare per malattie cardiovascolari e cancro, affermano i ricercatori.

 

Né è chiaro quanto una persona debba correre per ottenere questi potenziali benefici, né se aumentare la frequenza, la durata e il ritmo – in altre parole, aumentare la “dose” – potrebbe essere ancora più vantaggioso.

 

Per cercare di scoprirlo, i ricercatori hanno sistematicamente riesaminato ricerche, presentazioni di conferenze, tesi di dottorato e di laurea pubblicate in un’ampia gamma di database accademici.

 

Hanno cercato studi sull’associazione tra corsa/jogging e il rischio di morte per tutte le cause, malattie cardiovascolari e cancro.

 

Hanno trovato 14 studi adeguati, che hanno coinvolto 232.149 persone, la cui salute è stata monitorata da 5,5 a 35 anni. Durante questo periodo, 25.951 dei partecipanti allo studio sono morti.

 

Quando i dati dello studio sono stati riuniti, qualsiasi quantità di corsa era associata a un rischio di morte inferiore del 27% per tutte le cause per entrambi i sessi, rispetto alla mancanza di corsa.

 

Ed è stata associata a un rischio inferiore del 30% di morte per malattie cardiovascolari e un rischio inferiore di morte del 23% per cancro.

 

Anche piccole “dosi”, ad esempio una volta alla settimana o meno, che durano meno di 50 minuti ogni volta e ad una velocità inferiore a 6 miglia (8 km) all’ora, sembrano ancora essere associate a significativi benefici per salute/longevità.

 

Quindi, correre 25 minuti in meno rispetto alla durata settimanale raccomandata di vigorosa attività fisica potrebbe ridurre il rischio di morte. Ciò rende la corsa potenzialmente una buona opzione per coloro il cui principale ostacolo per fare abbastanza esercizio fisico è la mancanza di tempo, suggeriscono i ricercatori.

 

Ma aumentare “la dose” non è stato associato a un ulteriore abbassamento del rischio di morte per qualsiasi causa, secondo l’analisi.

 

Questo è uno studio osservazionale e come tale non può stabilire la causa. E i ricercatori avvertono che il numero di studi inclusi è stato piccolo e che i loro metodi sono variati considerevolmente, il che potrebbe aver influenzato i risultati.

 

Ad ogni modo, essi suggeriscono che qualsiasi quantità di corsa è meglio di niente, concludendo: “Un aumento dei rapporti di partecipazione alla corsa, indipendentemente dalla quantità, porterebbe probabilmente a miglioramenti sostanziali nella salute della popolazione e nella longevità”.

Condividi con gli amici:

copertina1

Le foto della settimana

  Ancora una giornata discreta su tutta Italia per favorire la partecipazione dei parkrunner nei 16 eventi italiani.   Di seguito alcune delle immagini più significative, tutte contraddistinte dalla tipica gioia di partecipare a parkrun!                                            …

copertina

parkrunner del mese – Novembre 2019

  A detta di molti la simpatia regna sovrana tra i volontari e i partecipanti di Mura di Lucca parkrun e il parkrunner del mese di novembre pare proprio non esserne da meno!   L’evento toscano, con le sue 67 edizioni, è ancora piuttosto giovane, ma si è già contraddistinto per l’atmosfera di entusiasmo e per l’accoglienza…