Notizie - 28th April 2020
Tags:

Aggiornamento COVID-19 (Coronavirus)

31166738_10155638055588022_3538346124931180810_n-9900000000079e3c

 

Dopo l’aggiornamento della scorsa settimana, sono lieto di informarvi che il nostro staff ha già condotto conversazioni individuali con oltre 500 team degli eventi e con ambasciatori in tutto il mondo. È stata un’esperienza incredibilmente commovente per tutti noi, ma anche davvero edificante. Grazie a tutti coloro che ci hanno dedicato un po’ del loro tempo prezioso finora.

 

Se stai leggendo questo e sei un direttore di eventi o un ambasciatore e non hai ancora programmato una chiamata con noi, prendi in considerazione la possibilità di farlo. Le informazioni che stiamo acquisendo da queste chiamate è importante per quanto riguarda il mantenimento delle cose durante il periodo in cui i nostri eventi sono chiusi e sarà fondamentale nel momento in cui dovremo prendere le decisioni appropriate per riaprire i nostri eventi.

 

Sebbene non abbiamo ancora completato le chiamate e esaminato attentamente il feedback, un paio di punti vengono spesso sollevati in tutto il mondo di parkrun…

 

 

Quanto preavviso riceveranno i team degli eventi prima della riapertura?

 

È chiaro che l’intera famiglia parkrun è ansiosa di riprendere al più presto, in qualsiasi momento utile, ma allo stesso tempo alcuni eventi sono preoccupati che potrebbero non avere abbastanza tempo per ricompattare i volontari, controllare i luoghi dove si svolgono i loro eventi, rispolverare le loro attrezzature, ecc.

 

Ti assicuriamo che il benessere dei volontari è al centro di tutto ciò che facciamo e, sebbene i tempi potrebbero differire da luogo a luogo, ci assicureremo che i team abbiano molto tempo per prepararsi tra qualsiasi annuncio pubblico e il loro primo evento. Ci sarà un preavviso minimo di due intere settimane, ma probabilmente di più.

 

 

Riapriremo regione per regione o aspetteremo che tutti e 22 i paesi parkrun siano pronti per ripartire?

 

Ci sono così tante incognite in questo momento che, sebbene stiamo prendendo in considerazione molte opzioni, non sarebbe opportuno anticipare l’esatto processo di riapertura. Ciò che ci siamo assolutamente impegnati a fare, tuttavia, è considerare l’azione più appropriata per ogni singolo paese in difficoltà e fornire la soluzione più adatta ad ognuno. È quindi probabile che alcuni paesi riapriranno prima di altri, anche se, ancora una volta, è troppo presto per fare previsioni in questa fase.

 

Grazie ancora per aver condiviso le tue esperienze con noi e sappi che l’intera famiglia parkrun è con te in questo momento.

 

Grazie per il vostro continuo supporto.

 

Ce la faremo, insieme.

 

 

Condividi con gli amici:

pineto

A Roma Pineto e’ tutta vita, sempre!

Roma Pineto dice di sì alla (non)parkrun.   Ancora una volta ci troviamo a convivere con Ie notevoli restrizioni della “zona rossa”, tuttavia, senza la confusione totale di un anno fa, che ha visto alcuni di Roma Pineto inventarsi parkrun alternative in luoghi insoliti, come la terrazza sul tetto o il cortile del palazzo. Quando…

img-20210327-wa0007

Il piacere di correre nella natura

DAL BLOG “Podismo & Pellerun” – Articolo di Andrea Pelleriti.   Una riflessione del “nostro” blogger e parkrunner Andrea Pelleriti, in arte Pellerun.   Non so se capita anche a voi di entrare in uno stato mentale diverso quando si corre su un sentiero nel bosco ma vale anche quando si corre o si passeggia un (non)parkrun.  Ogni spunto è buono per passeggiare…