Notizie - 18th May 2020
Tags:

Cibo per la mente in tempi incerti

sarah-header

Mi chiamo Sarah Cain e sono una nutrizionista di Airlie Beach, nelle Whitsundays australiane. La mia convinzione è che siamo tutti diversi, come lo sono i nostri corpi, le nostre vite e i nostri obiettivi, e di conseguenza la nostra alimentazione dovrebbe riflettere tutto ciò.

 

Durante questi periodi di incertezza, in particolare a causa del fatto che molti di noi trascorrono più tempo a casa e si adattano alle nuove abitudini, è incredibilmente importante che ricordiamo di alimentare correttamente i nostri corpi con cibo e liquidi per la nostra salute fisica e mentale. Ecco alcuni consigli rapidi e semplici da parte mia.

 

Ho iniziato a fare parkrun tre anni fa. Mia madre aveva deciso di iniziare parkrun a Victoria e, dato che ero molto lontana, mi sono registrata e ho partecipato al mio parkrun locale ad Airlie Beach come un modo per sostenerla. Ci facciamo gli auguri molto prima e ci chiamiamo dopo per vedere come è andata. È un ottimo modo per sentirsi più uniti alla propria famiglia quando si è lontani.

 

image0 (1)

 

Ho scelto di studiare nutrizione dopo aver trascorso gran parte della mia vita osservando l’effetto che il cibo ha avuto su di me, sulla mia famiglia e sui miei amici. Imparare a superare la paura che nutrivo nei confronti del cibo mi ha permesso di muovermi davvero per alimentare il mio corpo con uno scopo e mi ha suscitato ancora più passione per la cucina. Adoro aiutare gli altri a nutrire il loro corpo senza restrizioni o regole, per il resto della loro vita, insegnando loro gli strumenti per passare a una mentalità di abbondanza anziché restrizione quando si tratta di cibo.

 

La nutrizione influisce su tutti i nostri sistemi corporei ed è veramente alla base di tutto. Una buona alimentazione può aiutarci a prosperare mentalmente, fisicamente ed emotivamente e quando qualcosa è spento o non abbiamo abbastanza di determinati minerali e vitamine, può essere vero il contrario. Tutti gli esercizi, le medicine o i trattamenti del mondo sarebbero inutili se non alimentassimo bene il nostro corpo.

 

image4

 

Nel mio lavoro valuto il modo in cui i clienti nutrono il proprio corpo giorno dopo giorno e adatto i piani e le ricette alimentari per soddisfare i loro obiettivi e bisogni. Prima di COVID incontravo i clienti faccia a faccia, ma ora opero al telefono o online.

 

Un cambiamento drastico e positivo che ho notato sono le domande che mi vengono poste e l’approccio delle persone verso la nutrizione ed il mangiare sano. In precedenza, c’era sempre stata una tendenza alla perdita di peso e ai benefici fisici di una buona alimentazione, mentre ora vedo molte persone che si sforzano davvero di migliorare la loro salute generale in modo da poter condurre la loro vita nel modo migliore. È bello vedere la maggior parte delle persone concentrarsi sul sistema immunitario e prendersi cura del proprio corpo, che è il vero motivo per cui sono diventata una nutrizionista.

 

Per me, una buona alimentazione di base significa includere fibre, verdure, proteine ​​e grassi sani in ogni pasto. Fintanto che questi componenti vanno per prima sul vostro piatto/ciotola, si otterranno buoni risultati. Non credo nell’eliminazione di interi gruppi alimentari a meno che non sia necessario per te personalmente; concentrati invece su ciò che stai includendo.

 

image1 (4)

 

Quando si tratta di cibo, cerca di includere la varietà, specialmente nelle verdure, poiché tutto il nostro cibo contiene diverse vitamine e minerali di cui abbiamo bisogno per stare bene. La varietà nel nostro cibo ci assicura che stiamo acquisendo tutte le vitamine e i minerali al meglio delle nostre capacità. Cerco anche di incorporare il maggior numero possibile di cibi a basso contenuto infiammatorio e capaci di migliorare il sistema immunitario, come curcuma, limone, aglio, zenzero, verdure verde scuro e olio di oliva spremuto a freddo/olio di avocado per cucinare.

 

Quando si tratta di salute mentale, c’è sicuramente un legame con la nutrizione. Le carenze di eventuali vitamine o sostanze nutritive essenziali possono causare ansia, depressione e altri problemi di salute mentale. È fondamentale che ci prendiamo cura della nostra salute intestinale poiché quando il nostro microbioma intestinale non è in ottime condizioni, può anche influenzare il nostro cervello e tutti i nostri sistemi.

 

image6

 

È davvero importante nutrire il proprio corpo in un modo adatto alle proprie esigenze: siamo tutti diversi e le nostre esigenze caloriche variano. Per alcune persone, il digiuno intermittente fa miracoli, mentre altri che possono avere problemi di bassa pressione sanguigna o di zucchero nel sangue, possono davvero stare bene mangiando ogni due o tre ore.

 

Ci sono pure molte differenze quando si parla di nutrizione con gli adulti piuttosto che ai bambini. In fin dei conti abbiamo forme e dimensioni diverse, quindi nella maggior parte dei casi non è necessario consumare la stessa quantità di cibo. Inoltre, i bambini sono ancora in via di sviluppo, quindi un bambino che corre tutto il giorno avrà esigenze diverse da una donna di mezza età che lavora dalla scrivania. In più, maschi e femmine hanno diverse caratteristiche ormonali e quindi alcuni problemi ormonali hanno bisogno di essere presi in considerazione attraverso la dieta.

 

Cerca di includere fibre, verdure, grassi sani e proteine ​​in ogni pasto e includi la varietà ovunque possibile.

 

In termini di fluidi, il mio consiglio è acqua, acqua, acqua! È davvero un bellissimo dono della natura e, come parkrun, è gratis!

 

image5

 

Buon appetito!
Sarah Cain

Condividi con gli amici:

27304618357_777bb82564_k1

La storia del cronometraggio a parkrun

C’era una volta un uomo, di nome Paul, che, con alcuni suoi vecchi amici, cominciò a incontrarsi nel loro parco ogni settimana alla stessa ora. Paul registrava il tempo impiegato a correre in un percorso di 5 km, per poi divertirsi, subito dopo, a parlare e chiacchierare al bar. Tutto andò avanti come un orologio…

48048333112_13cf178000_k

Riflettori puntati su: Polonia

Continua la rubrica di esplorazione della famiglia parkrun, formata da 22 paesi di tutto il mondo.   Questa settimana tocca alla Polonia, la cui esperienza ci viene raccontata dal Country Manager Jakub Fedorowicz.   Quest’anno parkrun Polonia celebrerà il suo nono anniversario. Il primo evento parkrun Polonia (e nell’Europa centrale) ha avuto luogo nell’ottobre 2011…