Notizie - 2nd June 2020
Tags:

Aggiornamento COVID-19 (Coronavirus): 2 giugno

copertina

Nell’aggiornamento della scorsa settimana abbiamo confermato che tutti gli eventi parkrun in tutto il mondo rimarranno chiusi almeno fino alla fine di questo mese di giugno. In alcuni paesi parkrun quel messaggio era del tutto atteso, poiché sono ancora relativamente all’inizio dei loro sforzi per superare la sfida rappresentata dal COVID-19. Tuttavia, alcuni altri paesi in difficoltà stanno vivendo un significativo rilassamento delle restrizioni e stanno iniziando ad avvicinarsi a qualcosa che ricorda la vita normale.

 

Per ribadire gli aggiornamenti precedenti, tutte le decisioni di riapertura di eventi parkrun, in qualsiasi specifica parte del mondo, saranno prese da parkrun Global (l’organizzazione no profit con sede nel Regno Unito avente la responsabilità finale di ogni evento parkrun) in collaborazione con lo staff parkrun dedicato o con i volontari di ogni paese. È importante sottolineare che continuiamo a rivedere la situazione unica di ciascun paese in difficoltà e ci impegniamo a riaprire i loro eventi non appena opportuno.

 

Inoltre, mentre in questa fase non escludiamo modifiche alle operazioni richieste a livello di evento, la nostra posizione attuale è che non apriremo eventi parkrun in nessun paese fino a quando non potremo farlo in tutto quel paese, in modo sicuro e senza contraddire le linee guida sulla salute pubblica di quel paese. In questa fase, inoltre, non cercheremo di riaprire gli eventi fino a quando non saremo in grado di farlo in modo identico o simile a come hanno operato prima del blocco.

 

Comprendiamo le buone intenzioni alla base dei numerosi suggerimenti presentati in merito alle modifiche al modo in cui gli eventi parkrun potrebbero operare. Abbiamo esaminato delle idee, come partenze a diverse ondate, eliminazione dei token, limitazione delle presenze e distanza fisica obbligatoria tra i partecipanti. Tuttavia, è probabile che molti di questi interventi finiscano con l’aumentare il livello di complessità del nostro modello operativo e, di conseguenza, nella migliore delle ipotesi, rendano estremamente difficile per i volontari organizzare eventi e, in alcuni casi, impossibile.

 

Sicuramente, gran parte del nostro successo negli ultimi quindici anni è stato dovuto alla nostra incessante attenzione verso la rimozione degli ostacoli nei confronti della realizzazione degli eventi (così come della partecipazione agli eventi) e, ora più che mai, dobbiamo mantenere quel principio in primo piano nei nostri pensieri.

 

Sappiamo che molte persone leggeranno questo aggiornamento e si chiederanno come potrà mai parkrun tornare senza effettuare dei cambiamenti significativi al modo in cui funziona. Tuttavia, in quasi tutti i paesi in difficoltà, l’impatto di COVID-19 sta diminuendo quotidianamente, le linee guida sulla salute pubblica cambiano di conseguenza e le restrizioni vengono gradualmente allentate.

 

Molti governi si sono impegnati a ripristinare tutte le attività sportive, compresi gli sport di contatto e quelli in cui non è possibile l’allontanamento fisico. Le scuole stanno riprendendo, le persone stanno tornando al lavoro e le comunità si stanno impegnando nuovamente. Tutti questi passaggi positivi sono passi sempre più vicini al riaccoglimento degli eventi parkrun nelle comunità in cui operano e ogni passaggio offre l’opportunità di imparare qualcosa. Di conseguenza, restiamo fiduciosi che, nel tempo, tutti gli eventi parkrun ritorneranno.

 

Ancora più importante per il nostro successo è stata l’attenzione verso una maggiore interazione umana e nell’utilizzo della tecnologia per aumentare le opportunità per le persone di stare insieme, socializzare e condividere aree di spazio aperto. Ancora una volta, ora più che mai, è fondamentale mantenere il nostro impegno nel riunire le persone senza doverle tenere a distanza.

 

Sebbene tutti gli eventi parkrun rimangano chiusi, questo aggiornamento settimanale conterrà tutte le informazioni pertinenti relative alla situazione COVID-19 e parkrun. Nel momento in cui decideremo di riaprire dei paesi parkrun, i relativi annunci verranno fatti innanzitutto qui e, da quel momento in poi, le comunicazioni relative alla riapertura di tali paesi verranno comunicate tramite canali di comunicazione specifici per paese.

 

Grazie per il vostro continuo supporto, per la pazienza e la comprensione.

 

Ce la stiamo facendo, tutti insieme.

 

Tom Williams

Chief Operating Officer

parkrun Global

Condividi con gli amici:

couple-4495742_640

Una introduzione alla consapevolezza

Con tutto ciò che sta accadendo nel mondo in questo momento, la capacità di ridurre lo stress e costruire la resilienza non è mai stata così rilevante o importante.   La dott.ssa Carolyn Ee è medico di medicina generale, ricercatrice, sostenitrice  di salute e benessere e runner. Il dottor Ee ci dice qualcosa di più sulla consapevolezza……

Tampere start photo

Riflettori puntati su: Finlandia

Continua la rubrica di esplorazione della famiglia parkrun, formata da 22 paesi di tutto il mondo.   Questa settimana tocca alla Finlandia, e il Country Manager Deri Thomas ci racconta la storia di parkrun Finland.       Il fatto che parkrun sia presente in Finlandia è in gran parte dovuto all’enorme entusiasmo e alla perseveranza…