Notizie - 9th June 2020
Tags:

Aggiornamento COVID-19 (Coronavirus): 9 giugno

35886488513_80fe3a70af_k

Lunedì, il governo della Nuova Zelanda ha annunciato che avrebbero eliminato tutti gli obblighi di distanziamento sociale e che non ci sarebbero stati limiti alle riunioni pubbliche.

 

Questo è un passo avanti incredibilmente positivo e, sebbene la Nuova Zelanda possa sembrare molto più in là rispetto alle sfide che molti di noi continuano ad affrontare, questa notizia dovrebbe dare a tutti noi la speranza che, col tempo, la vita normale possa e debba riprendere.

 

Che cosa significa questo per parkrun in Nuova Zelanda?

 

In precedenza abbiamo assunto due impegni chiave in relazione al Coronavirus; in primo luogo che tutti gli eventi sarebbero rimasti chiusi almeno fino alla fine di giugno e, in secondo luogo, che avremmo dato a tutti i team degli eventi un preavviso di almeno due settimane prima della riapertura. Ciò significa che per gli eventi parkrun in Nuova Zelanda la prima data di inizio possibile sarebbe sabato 4 luglio.

 

Tuttavia, dato che abbiamo continuato a lavorare sodo dietro le quinte, ci sono alcune domande a cui dobbiamo rispondere e decisioni che dobbiamo prendere internamente, prima di essere in grado di impegnarci con una data specifica. Con queste notizie apparse solo negli ultimissimi giorni, dobbiamo anche dedicare più tempo a comprendere appieno i dettagli della posizione della Nuova Zelanda.

 

Pertanto, speriamo di confermare una data di riapertura per parkrun in Nuova Zelanda nell’aggiornamento della prossima settimana.

 

Nel frattempo, e mentre capiamo che in Nuova Zelanda i gruppi sono liberi di radunarsi nei loro posti dove fanno parkrun, vorremmo chiedere a tutti i team degli eventi di non organizzare riunioni di gruppo attraverso i loro canali di comunicazione parkrun. Oltre alle implicazioni assicurative, è importante che le comunità locali e le parti interessate siano consapevoli del nostro ritorno e siano in grado di accoglierci adeguatamente.

 

Che cosa significa questo per gli eventi parkrun altrove?

 

Speriamo che questa notizia offra ai parkrunner di ogni dove una ragione per essere positivi e rassicuri inoltre sul fatto che continuiamo a considerare la situazione specifica di ogni Paese parkrun e ci sforziamo di fare ciò che è giusto Paese per Paese.

 

La nostra posizione rimane invariata da quando abbiamo sospeso per la prima volta i nostri eventi: il nostro principio fondamentale è che terremo chiusi i nostri eventi laddove l’orientamento pubblico ufficiale lo consiglia o richiede, o dove non possiamo essere sicuri che le presenze rimarranno entro limiti prestabiliti.

 

Nel momento in cui ci prepariamo a rilanciare parkrun in Nuova Zelanda, vogliamo rassicurare ovunque la comunità parkrun che riapriremo in ogni paese parkrun non appena sarà sicuro e appropriato farlo.

 

Ce la stiamo facendo, tutti insieme.

 

Tom Williams

Chief Operating Officer

parkrun Global

Condividi con gli amici:

couple-4495742_640

Una introduzione alla consapevolezza

Con tutto ciò che sta accadendo nel mondo in questo momento, la capacità di ridurre lo stress e costruire la resilienza non è mai stata così rilevante o importante.   La dott.ssa Carolyn Ee è medico di medicina generale, ricercatrice, sostenitrice  di salute e benessere e runner. Il dottor Ee ci dice qualcosa di più sulla consapevolezza……

Tampere start photo

Riflettori puntati su: Finlandia

Continua la rubrica di esplorazione della famiglia parkrun, formata da 22 paesi di tutto il mondo.   Questa settimana tocca alla Finlandia, e il Country Manager Deri Thomas ci racconta la storia di parkrun Finland.       Il fatto che parkrun sia presente in Finlandia è in gran parte dovuto all’enorme entusiasmo e alla perseveranza…