Notizie - 4th August 2020
Tags:

Com’è fatto parkrun?

49090869672_9bdeaf7799_k-900x416

Con gli eventi parkrun che hanno ricominciato in Nuova Zelanda, molti di noi staranno pensando di tornare presto alla nostra attività gratuita, settimanale e cronometrata preferita.

 

Ma com’è parkrun e, se sarà per te la prima volta, cosa ti aspetti dal tuo primo parkrun?

 

Abbiamo messo insieme questa pratica guida, spiegando proprio come può apparire parkrun.

 

In questo momento, non possiamo dirti se potrai aspettarti di prendere il tuo solito caffè dopo o se potrai abbracciare i tuoi amici parkrun. Ma una volta che parkrun non sarà più in pausa, possiamo assicurarti che potrai aspettarti quanto segue, come sempre.

 

Non tutti partecipano per un PB e neanche tu devi farlo

 

Non tutti a parkrun sono presenti per registrare un PB (Personal Best). Come dice lo stesso fondatore di parkrun, Paul Sinton-Hewitt, “si è sempre fatto per il caffè” e molti parkrunner sono lì per frequentare gli amici, sentirsi parte della loro comunità e prendere parte a un 5k a modo loro.

 

33341055298_8ab8400488_k

 

C’è un Camminatore di Coda, in modo da non arrivare mai per ultimo, e molti parkrun offrono pacer per aiutarti a raggiungere obiettivi compresi tra i 20 e i 50 minuti. Ci sono camminatori, jogger, corridori, volontari e spettatori che stanno semplicemente a godersi l’aria aperta nel loro parco abituale.

 

44210253402_9b001ece7f_o

 

Il tuo obiettivo personale a parkrun è sempre il benvenuto. Forse potresti essere un pacer da 40 minuti in un evento, o un eroe col gilet giallo per una settimana, o forse vuoi semplicemente fare due chiacchiere con il team di volontari dell’evento?

 

parkrun non è soltanto per chi vuole realizzare un PB.

 

Non tutti sono corridori olimpici in abiti griffati

 

I corridori super veloci, con la fissazione dei gadget, che indossano scarpe tecniche e completi in lycra, non sono la maggioranza a parkrun.

 

parkrunner indossano di tutto, dal vestito elegante, ai jeans e una t-shirt, e una giacca di pelle è stata avvistata più di una volta.

 

Image from iOS (3)

 

E non mancano neanche i parkrunner con gli stivali di gomma.

 

49188177702_a13ea185ac_c (2)

 

C’è persino lo strano dinosauro sulla linea di partenza!

 

Trex

 

In più, è apprezzato anche il tuo migliore vestito della festa.

 

image (11)

 

Se poi preferisci partecipare a una passeggiata con gli amici, senza alcun kit sportivo, parkrun fa sicuramente per te.

 

Tutto ciò di cui hai bisogno a parkrun è un abbigliamento comodo e il tuo codice a barre.

 

43352817395_332acd6af9_o

 

Un briefing e un posto dove lasciare le tue cose

 

Non hai mai fatto un parkrun prima, hai dimenticato il tuo percorso preferito mentre eravamo in pausa o sei un turista stagionale in cerca di una nuova avventura? Nessun problema!

 

49338898072_976f35354a_k

 

La maggior parte degli eventi ha qualcuno dedicato a tenere un briefing per i nuovi arrivati. Riceverai un’introduzione al percorso (o un aggiornamento) da un esperto dell’evento che, insieme ad altri volontari, ha controllato il percorso in anticipo e può rispondere a qualsiasi domanda tu possa avere.

 

E non ti preoccupare, gli eventi parkrun di solito hanno pensato a tutto. Controlla la pagina degli eventi e i social media del tuo parkrun locale, dove menzioneranno di tutto: servizi igienici, parcheggio, caffè post-evento e opzioni per lasciare le tue cose mentre cammini, fai jogging, corri, fai volontariato o da spettatore.

 

Se c’è qualcosa che non è spiegato o di cui non sei sicuro, basta inviare un messaggio al team sui social media o tramite l’email del team dell’evento elencata sul sito Web. Un membro locale del team ti risponderà e sarà più che felice di aiutarti.

 

Ci sarà gente lì proprio come te 

 

Ti faremo entrare in una statistica parkrun che adoriamo celebrare. Il tempo medio di arrivo per i parkrunner di tutto il mondo è di 33:03, in calo rispetto al 22:16 del 2005. Il tempo che i partecipanti impiegano per completare un parkrun sta diventando sempre più lento, man mano che sempre più persone di tutte le età, abilità e percorsi sociali partecipano.

 

42630164820_5ad6a78f2f_k

 

Un tipico parkrunner potrebbe spingere una carrozzina o completare il percorso su una sedia a rotelle, potrebbe camminare con un parente anziano o chiacchierare con un amico, ma ce ne saranno altri come te! Te lo promettiamo. Se ti stai chiedendo se un qualsiasi percorso parkrun sia idoneo ad ospitare passeggini o sedie a rotelle, basta controllare la pagina Web dell’evento o i social media e mettersi in contatto con il team locale.

 

45145466305_0c58886073_o

 

Molti parkrunner ci riferiscono che partecipare a un parkrun è stato uno dei loro primi passi per una vita più felice e più sana e si rammaricano soltanto di non averlo scoperto prima.

 

Gli eroi in gilet giallo

 

Un’altra cosa certa, gli eroi volontari di parkrun saranno sempre lì a farti il tifo all’inizio, durante e all’arrivo. Non importa con che tempo finisci.

 

Marshal, cronometristi, addetti allo scanner, pacer e Camminatori di Coda, sono tutti lì per aiutarti lungo il percorso.

 

31641922477_44e035e53f_k

 

Che si tratti della prima volta o del 500° parkrun, non vogliamo mai che tu ti senta perso o che non ti senti parte di un evento, quindi non aver mai paura di chiedere informazioni ai nostri meravigliosi volontari.

 

Ora hai letto questa guida e sei un esperto di parkrun, quando ricominceremo nel tuo paese, ci piacerebbe vederti nel tuo parkrun locale.

 

45668610305_b5cf4fee39_o

 

Magari porterai un amico o farai amicizia lì. Ricorda solo che ogni parkrunner che vedi avrà iniziato con un parkrun alla volta, proprio come te ora.

 

#amoparkrun

 

Condividi con gli amici:

copertina

Le mie caratteristiche

  DAL BLOG “Podismo & Pellerun” – 19/09/2020 – articolo di Andrea Pelleriti.   Un altro interessante articolo del “nostro” blogger e parkrunner Andrea Pelleriti, in arte Pellerun.   Questa volta ci da una possibile lettura delle proprie caratteristiche di corridore in base alle prestazioni registrate sulle varie distanze. Da leggere con attenzione ed eventualmente adattare alle proprie caratteristiche.   L’articolo…

copertina

Il tempo di agire è adesso

Ci troviamo di fronte alla prospettiva di vivere in un mondo in cui l’essere separati diventa la normalità e in cui il rischio associato all’interazione sociale e alla partecipazione all’attività fisica è considerato superiore al loro beneficio.   Chrissie Wellington, Responsabile Salute e Benessere di parkrun Global, ci spiega perché è giunto il momento di…