Notizie - 25th August 2020
Tags:

Aggiornamento COVID-19 (Coronavirus): 25 agosto

copertina

Dall’inizio di questa sfida abbiamo creduto nell’adozione di un approccio pragmatico e ponderato, che protegga lo spirito di parkrun e dia la priorità alla sicurezza di tutti coloro che entrano in contatto con i nostri eventi. Allo stesso tempo, abbiamo sviluppato la nostra comprensione dei rischi legati alla ripresa, in modo tale da poterli bilanciare adeguatamente con i benefici.

 

Una parte significativa dello sviluppo della nostra comprensione è correlata alle prove sulla trasmissione del virus in ambienti esterni. A tal proposito, abbiamo incaricato il professor Mike Weed dell’Università di Christ Church e Canterbury, nel Regno Unito, di portare avanti una rapida revisione delle prove pertinenti. Potete trovare il protocollo per questo lavoro pubblicato qui e ascoltare Mike discutere il protocollo nel prossimo episodio del Free Weekly Timed podcast.

 

Il lavoro sta continuando dietro le quinte per preparare il ritorno di parkrun. Stiamo discutendo approfonditamente con i dipartimenti governativi e con gli organi preposti alla sanità pubblica in un certo numero di paesi parkrun e andiamo sempre più notando che questi organi concordano sul fatto che i benefici dei nostri eventi nei confronti della salute pubblica sono significativi, mentre il rischio in termini di trasmissione del virus è relativamente basso. Il nostro Framework è stato accolto molto positivamente e stiamo sperimentando pubblicamente un ampio supporto nei confronti del ritorno dei nostri eventi. Anche se in questo momento non siamo pronti a impegnarci riguardo a delle specifiche date, riteniamo possibile che alcuni paesi parkrun potrebbero riaprire prima della fine di ottobre.

 

Al di fuori di parkrun, c’è un crescente motivo di ottimismo. Altri eventi sportivi e di attività fisica stanno già tornando con successo dove sono in grado di prendere determinate precauzioi, e ognuno di questi momenti rappresenta una piccola vittoria e un passo verso la normalità. Quando si dà un’occhiata da vicino appare chiaro che il mondo sta andando avanti e che il meraviglioso spirito umano sta affrontando la sfida. Stiamo anche assistendo al ritorno delle scuole, alle università che si preparano ad accogliere più studenti che mai e al tentativo di far ritornare gli spettatori negli eventi sportivi.

 

Sebbene il progresso non sia sempre evidente, le cose stanno andando avanti e c’è molto di cui essere positivi in ​​questo momento. Il ritorno degli eventi parkrun è più vicino che mai.

 

Grazie come sempre per il vostro supporto e la pazienza.

 

Tom Williams

Chief Operating Officer

parkrun Global

 

Condividi con gli amici:

pineto

A Roma Pineto e’ tutta vita, sempre!

Roma Pineto dice di sì alla (non)parkrun.   Ancora una volta ci troviamo a convivere con Ie notevoli restrizioni della “zona rossa”, tuttavia, senza la confusione totale di un anno fa, che ha visto alcuni di Roma Pineto inventarsi parkrun alternative in luoghi insoliti, come la terrazza sul tetto o il cortile del palazzo. Quando…

img-20210327-wa0007

Il piacere di correre nella natura

DAL BLOG “Podismo & Pellerun” – Articolo di Andrea Pelleriti.   Una riflessione del “nostro” blogger e parkrunner Andrea Pelleriti, in arte Pellerun.   Non so se capita anche a voi di entrare in uno stato mentale diverso quando si corre su un sentiero nel bosco ma vale anche quando si corre o si passeggia un (non)parkrun.  Ogni spunto è buono per passeggiare…