Notizie - 20th October 2020
Tags:

Aggiornamento COVID-19 (Coronavirus): 20 ottobre

copertina

Con la riapertura di 12 eventi in Tasmania sabato scorso, abbiamo visto oltre 5.000 diverse persone camminare, fare jogging, correre o fare volontariato in 45 eventi parkrun in tutto il mondo. Sebbene questo rappresenti solo il 2% degli eventi, 5.000 partecipanti sono un traguardo significativo che ci ha richiesto cinque anni e mezzo per raggiungerlo la prima volta.

 

Purtroppo, a causa delle maggiori restrizioni in risposta alle crescenti infezioni, venerdì scorso abbiamo deciso di posticipare il nostro previsto ritorno in Polonia. Seppur deludente, e nonostante fosse tecnicamente possibile per parkrun riprendere mantenendosi nell’ambito delle linee guida dettate dal governo, sappiamo che questa è stata la decisione giusta, date le circostanze. Nel frattempo, continueremo a monitorare la situazione e cercheremo un’opportunità per tornare non appena sarà appropriato farlo.

 

Questo fine settimana non vediamo l’ora di ridare il benvenuto a parkrun in Giappone e continuiamo a lavorare a stretto contatto con il dipartimento della salute del Western Australia per quanto riguarda il nostro ritorno previsto per sabato prossimo, ora che il loro allentamento delle restrizioni è stato respinto.

 

Dando uno sguardo più avanti, continuiamo a fare progressi positivi in ​​altre parti del mondo, con il previsto ritorno degli eventi parkrun nell’Australian Capital Territory (ACT) il 31 ottobre, insieme agli eventi a Guernsey e nell’Isola di Man.

 

È stato commovente vedere così tanti parkrunner mantenere vivo lo spirito comunitario del loro parkrun locale partecipando alla nostra campagna (non)parkrun, trovando la motivazione per essere fisicamente attivi e incoraggiando anche gli altri a farlo.

 

Oltre 70.000 parkrunner hanno registrato più di 500.000 (non)parkrun, comprese quasi 6.000 persone che non hanno ancora completato un parkrun. Tutto ciò è particolarmente incoraggiante e ci dimostra che parkrun ha un ruolo importante da svolgere per la salute e il benessere della popolazione ora e in futuro.

 

Con ogni settimana che passa stiamo facendo progressi, con più opportunità per le persone di fare parkrun, o (non)parkrun, in sempre più località in tutto il mondo.

 

Grazie per il vostro continuo supporto.

 

Tom Williams

Chief Operating Officer

parkrun Global

Condividi con gli amici:

PR non eng Hero

Unisciti a noi per la #parkrunresolution!

Quale sarà la tua #parkrunresolution?   Nel prepararci a dare il benvenuto al nuovo anno, ci piacerebbe che tu creassi la tua #parkrunresolution e ti unissi a noi per una speciale campagna di otto settimane. Ecco tutto ciò che devi sapere.   Non c’è dubbio che il 2020 sia stato un anno particolarmente impegnativo e,…

42116079950_78981ddd14_o-900x416

Dalle parole ai fatti: La storia dei Camminatori di Coda

Nel giugno 2017, parkrun ha modificato il nome del volontario Corridore di Coda in Camminatore di Coda.   La responsabile di salute e benessere di parkrun Global, Chrissie Wellington ci descrive il processo decisionale e l’impegno di parkrun per l’inclusività.   Arrivare ultimi. Sentirsi esclusi. Essere ridicoli. Queste sono le vere paure per molte persone…