Notizie - 9th March 2021
Tags:

Aggiornamento settimanale 9 marzo 2021

COVID_MARCH_WEEK_2

La situazione per quanto riguarda COVID-19 (Coronavirus) rimane alquanto mutevole in ogni paese in cui operiamo. La scorsa settimana tutti gli eventi parkrun in Nuova Zelanda sono stati temporaneamente sospesi in linea con le restrizioni in vigore per un lockdown a breve termine. Al momento in cui scrivo, gli eventi al di fuori di Auckland torneranno questo sabato, con una decisione da prendere nel corso della settimana sulla possibilità di far riprendere anche gli eventi ad Auckland.

 

Nel frattempo più di 53.000 parkrunner hanno camminato, fatto jogging, corso e si sono offerti volontari a 437 eventi in quattro paesi lo scorso fine settimana. Vedere questi eventi funzionare e testimoniare, tramite i social media, la gioia che portano alle comunità locali, continua ad essere per tutti noi una vera fonte di incoraggiamento per un non lontano ritorno di parkrun.

 

In Inghilterra, dove il percorso verso la normalità è stato tracciato dalla recente roadmap del governo, stiamo facendo buoni progressi e ci stiamo preparando con entusiasmo predisponendo il lavoro necessario per sostenere il ritorno degli junior parkrun dall’11 aprile e dei parkrun da 5 km dal 5 giugno.

 

La scorsa settimana abbiamo scritto a circa 30.000 parkrunner che in precedenza si erano offerti volontari a eventi 5k in Inghilterra, inclusi tutti i direttori di eventi e chiunque avesse svolto il ruolo di direttore di corsa nei 12 mesi precedenti al marzo 2020.

 

La risposta è stata straordinariamente positiva, con il 91% di oltre 14.000 intervistati che ci ha detto che sicuramente (48%), probabilmente (28%) o forse (15%), si offriranno volontari ai loro eventi da 5k a giugno.

 

C’è indubbiamente una grande eccitazione per il ritorno di parkrun in Inghilterra. Tuttavia, siamo consapevoli del fatto che, per alcuni, permane un certo grado di paura per la situazione in corso in generale e che vi è una certa incertezza e preoccupazione su quando sia appropriato per noi ritornare. Con una comunità così ampia dotata di una vasta gamma di esperienze, di punti di vista e di opinioni, non raggiungeremo mai un accordo universale su alcuna decisione.

 

Il lavoro di indagine che svolgiamo è fondamentale per aiutarci a capire come si sentono le nostre singole comunità e come potrà essere la partecipazione agli eventi parkrun quando torneremo. Ed è un’indagine come questa che ci consente di aiutare i nostri team degli eventi a ricominciare da capo quando saremo in grado di farlo.

 

Mentre facciamo progressi con gli eventi in Inghilterra, non ci stiamo dimenticando delle nostre altre regioni e degli altri paesi in cui il percorso di ripresa è meno chiaro. Ma rimaniamo fiduciosi che saremo in grado di riaprire più eventi in un futuro non troppo lontano.

 

Grazie per il vostro continuo supporto.

 

Tom Williams

Chief Operating Officer

parkrun Global

Condividi con gli amici:

parkrun italiani

I parkrun italiani, diversissimi tra di loro

I parkrun italiani, diversissimi tra di loro. proprio come noi!   Ad oggi in Italia possiamo contare 16 parkrun avviati prima del lockdown 2020, e 2 parkrun “sospesi” che avevano una data di inaugurazione proprio durante il periodo di lockdown. Quindi un totale di 18 parkrun italiani.   Così dai 16 dell’era pre-Covid siamo passati…

COVID_APR_WEEK_NEWS-3a13b2073044195a

Aggiornamento settimanale 13 aprile 2021

È stato fantastico veder tornare 48 eventi junior parkrun in Inghilterra domenica, con oltre 4.000 bambini che hanno tagliato il traguardo, di cui più di 1.000 hanno partecipato per la prima volta. Siamo immensamente orgogliosi di tutti i team degli eventi che hanno organizzato con successo i primi eventi parkrun in Inghilterra dopo 13 mesi…