Notizie - 3rd August 2021

Una festa chiamata parkrun

copertina

Dopo circa 17 mesi di assenza, parkrun ritorna in Italia, ed è una festa!

 

Questa è stata infatti la sensazione maggiormente percepita dai presenti: la gioia di rivedere i vecchi amici, di incontrarne di nuovi e di festeggiare tutti insieme la ritrovata serenità del sabato mattina.

 

Non è bastato il gran caldo e la voglia di andarsi a buttare a mare, a distogliere tanti parkrunner dalla data fatidica del 31 luglio 2021, quella del ritorno di parkrun in Italia.

 

Anche se è stato un ritorno vero solo per alcuni eventi: Treviso, Roma Pineto e Uditore. Terme parkrun ritornerà il 7 agosto e tanti altri riprenderanno più avanti, quando il caldo, auspicabilmente, si mitigherà e molti volontari torneranno dalle vacanze.

 

C’è stata, poi, una festa nella festa, a Mensola parkrun, il nuovo evento fiorentino che doveva partire a maggio del 2020 ed ha invece dovuto aspettare più di un anno per iniziare. Suzi Jenkins, la vulcanica ED del nuovo parkrun, è riuscita a raccogliere intorno a sè ben 14 volontari, che hanno reso possibile la realizzazione di un sogno, quello di portare a Firenze un secondo evento parkrun, nell’altrettanto nuovo Parco del Mensola, che speriamo crescerà in bellezza insieme al coetaneo evento parkrun.

 

mensola2

 

E festa è stata a Treviso parkrun, che ha visto anche l’entusiastica partecipazione di Sophie Bestwick, ormai conosciuta in tutta Italia per aver partecipato a ben 9 eventi nostrani!

 

Treviso

 

A Roma Pineto parkrun, malgrado l’assenza dei due ED, Salvatore Vassallo e Jenny Stripe, il team dei volontari presenti ha egregiamente supplito, regalando ai presenti la possibilità di correre di nuovo in un magnifico parco, all’ombra – si fa per dire – dell’iconico “cupolone”.

 

roma2

 

Infine, a Uditore parkrun, dove tutto è iniziato il 23 maggio del 2015, ben 34 partecipanti e 10 volontari hanno a fatica trattenuto le lacrime e dato sfogo a tutta la loro gioia, riuscendo, grazie al grande talento di Andrea Soffientini, novello parkrunner alla sua prima partecipazione in assoluto, a siglare il nuovo record del percorso.

 

Uditore2

 

Insomma, dappertutto si è scatenata la voglia repressa, dopo tanti mesi di sospensione forzata, di testimoniare l’amore per la riuscitissima formula dei 5 km cronometrati, gratuiti, settimanali e aperti a tutti, in una parola: parkrun!

 

E finalmente ci siamo sentiti tutti più rassicurati di poter tornare a contare i giorni che mancano al fine settimana, quando potremo ritornare alla nostra sana abitudine del sabato mattina, speriamo ormai per sempre.

 

Ci vediamo sabato prossimo!!

 

Condividi con gli amici:

breaking stereotypes

Rompere gli stereotipi

parkrun è il posto migliore per passare un sabato mattina nel modo più divertente – cioè essendo attivi, sorridendo e passando tempo con gli altri. Tutti, a prescindere dalle loro abilità fisiche, troveranno un posto a parkrun.   E’ pure un luogo che può essere utilizzato da altre organizzazioni per aiutare i loro clienti. Per…

Jono-Whitehead-2

Più persone disabili a parkrun

Jono Whitehead usa una carrozzina e parkrun gli è stato consigliato da una sua amica che corre con un frame runner (deambulatore sportivo da corsa, un triciclo senza pedali e con un supporto per la parte superiore del corpo che assiste le persone disabili a correre). Inizialmente non era molto convinto, ma quando è arrivato…