Notizie - 30th dicembre 2021

Una riflessione sul 2021 a parkrun

PSH UK

Mentre stiamo per entrare nel nuovo anno, il fondatore di parkrun Paul Sinton-Hewitt CBE riflette su altri 12 mesi straordinari per parkrun.

 

Guardando il numero di eventi attualmente attivi, è chiaro quanta strada abbiamo fatto nell’ultimo anno. Alla fine del 2020, dopo quello che è stato un anno incredibilmente difficile, c’erano solo 300 eventi parkrun funzionanti in sei paesi del mondo.

 

PSH pic one

 

Mentre quest’anno volge al termine, ciò avviene con una familiare sensazione di incertezza. Purtroppo, alcuni di noi hanno a che fare con delle restrizioni, nuove o già in atto, che terranno chiusi i nostri eventi. È profondamente frustrante che, quasi due anni dopo, stiamo ancora vivendo con le conseguenze della pandemia. Ma, se ripenso a quest’anno e penso all’anno che verrà, lo faccio con cauto ottimismo.

 

PSh global

 

Tuttavia, ci sono voluti 12 mesi molto particolari per arrivare a questo punto. Direi addirittura che è stato l’anno più impegnativo nella storia di parkrun.

 

Nonostante le restrizioni diffuse con conseguenti continue cancellazioni, l’anno è iniziato come qualsiasi altro nel mondo parkrun. Abbiamo lanciato una nuova iniziativa globale, “The parkrun Resolution”, per tenere le nostre comunità impegnate, per favorire la solidarietà e tenerci uniti, promuovendo i benefici del movimento in mezzo alla pandemia del Coronavirus.

 

PSH not parkrun

 

I progressi delle vaccinazioni ci hanno dato speranza, ma abbiamo comunque affrontato molti mesi di blocchi e restrizioni che hanno impedito la ripresa degli eventi, e in alcuni luoghi è ancora così.

 

Forse la sfida più grande è stata qui, nella terra natale di parkrun, nel Regno Unito, dove abbiamo provato e fallito, e poi provato ancora, a riavviare i 1.000 eventi in Inghilterra, Irlanda del Nord, Scozia e Galles.

 

Vorrei ringraziare ogni singola persona che ha contribuito a garantire il ritorno dei nostri eventi locali. Vedere altri sostenere la nostra causa con tanta veemenza, compresi personaggi del calibro di Lord Seb Coe, il sindaco di Londra Sadiq Khan e figure politiche di tutti gli schieramenti in Parlamento, compreso il primo ministro britannico, è stato molto rincuorante.

 

PSH UK

 

Mi dà anche grande speranza per il futuro. Sapere che il nostro movimento è apprezzato, sapere che è riconosciuto e celebrato adesso come un’iniziativa di salute pubblica che ha benefici per la salute fisica e mentale di così tante persone, e che dovrebbe essere protetto a tutti i costi. È chiaro che parkrun non è più solo una corsa nel parco.

 

In tutto il mondo, mentre figure di alto profilo si stavano battendo per la nostra causa, spingendo per il ritorno dei nostri eventi settimanali gratuiti; per permettere alle persone di stare di nuovo insieme, nei grandi spazi aperti, anche l’intera famiglia parkrun si stava radunando.

 

Ambasciatori, volontari, sostenitori, partner, tutti si sono uniti al coro. Dobbiamo riconoscere e rendere omaggio all’immenso lavoro degli ambasciatori parkrun. La loro dedizione e il loro sostegno durante la pandemia sono stati inestimabili. Ringrazio tutti voi per essere i guardiani e i campioni di parkrun nei momenti più difficili.

 

Continuo ad essere veramente onorato dagli sforzi che i parkrunner fanno per prendersi cura gli uni degli altri. Questo rafforza ciò che già so: le persone sono buone, e le persone sono gentili.

 

PSH ZA

 

Abbiamo promesso che non ci saremmo mai arresi, e l’ondata di sostegno al nostro grido di battaglia ha infine portato al ritorno degli eventi nella maggior parte dei nostri territori.

 

In assenza di eventi normali, è stata una gioia vedere la comunità di parkrun impegnarsi nell’iniziativa (non)parkrun. Sono lieto di dire che (non)parkrun rimarrà nel sistema – così chiunque, ovunque, in qualsiasi momento, potrà camminare o correre i propri 5 chilometri e sentirsi ancora parte della famiglia.

 

È stato incredibile vedere oltre 10.000 (non)parkrunner, che non si erano mai presentati a un evento fisico parkrun, registrare i loro 5k di passeggiate e corse. Più di 2.300 di loro hanno adesso partecipato a un evento, e gli diamo il benvenuto, così come diamo il benvenuto a tutti coloro che si sono uniti a noi per la prima volta quest’anno.

 

PSH walk

 

Nei momenti più bui, brilla sempre un’opportunità e quest’anno, nonostante tutto, penso che siamo riusciti a realizzare alcuni dei nostri migliori successi.

 

Il resto del mondo si è ora unito alla Germania, al Giappone e ai Paesi Bassi nell’adottare pienamente l’applicazione Virtual Volunteer per il cronometraggio e la scansione. Voglio ringraziare tutti voi per aver abbracciato questi cambiamenti con l’immancabile entusiasmo e slancio che siamo abituati a vedere dalla famiglia parkrun.

 

PSh scan

 

Abbiamo pure introdotto i nuovi club traguardo. Da molti anni crediamo che tutti i tipi di partecipazione a parkrun siano ugualmente importanti. E che a prescindere dal fatto che si scelga di camminare, correre o fare volontariato, tutti sono benvenuti e li apprezziamo allo stesso modo. Quindi è sempre stato frustrante che ci sia stata solo una maglietta traguardo per i volontari. Più di 19.000 persone hanno richiesto una nuova t-shirt traguardo da quando sono entrati in vigore i cambiamenti.

 

PSH new milestone

 

E’ importante ricordare anche che nulla di tutto ciò sarebbe possibile senza il supporto e l’impegno dei nostri partner, e vorrei ringraziarli personalmente, ed anche dare il benvenuto a quelli nuovi. In mezzo a tutto il caos, i nostri partner hanno dimostrato di comprendere veramente cosa sia parkrun. Il loro sostegno incrollabile, negli ultimi due anni in particolare, ci ha permesso di avvicinarci al 2022 più forti di prima.

 

L’anno prossimo, parkrun entrerà in una nuova era quando saluteremo il nostro CEO, con noi ormai da quasi sette anni, Nick Pearson.

 

Nick Pearson - Chief Executive Officer - Bedfont Lakes parkrun_0

 

Nick ha trasformato l’organizzazione in molti modi significativi, tra cui la transizione ad un ente di beneficenza globale con sede nel Regno Unito, una nuova struttura gestionale, la ricerca di strade per fornire sicurezza finanziaria a lungo termine e la supervisione di una sensazionale crescita nel numero di partecipanti regolari e di nuovi eventi.

 

Voglio esprimere i miei sentiti ringraziamenti a Nick – per essere stato un leader straordinario, un meraviglioso custode di parkrun, ed un brillante collega .

 

Nick, ci mancherai molto, ma, a nome di tutta la famiglia parkrun, ti auguro il meglio in qualsiasi sfida tu scelga di affrontare prossimamente.

 

Sono lieto che Russ Jefferys abbia accettato di assumere l’incarico di CEO nel febbraio 2022.

 

Russ è stato coinvolto con parkrun per quasi un decennio, e negli ultimi sette anni ha lavorato, accanto a Nick, come responsabile globale delle comunicazioni.

 

Mentre parkrun procede verso la sua maturità, sono entusiasta che Russ abbia accettato la sfida di guidarci in questa prossima fase di crescita. Sia io che gli altri amministratori fiduciari non vediamo l’ora di lavorare con lui per aumentare il nostro impatto mondiale, aiutando le persone ad essere la migliore versione di loro stessi e migliorando la salute e il benessere.

 

Così, mentre quest’anno volge al termine, rifletto su 12 mesi difficili ma gratificanti.

 

Ma guardo anche avanti. Insieme abbiamo fatto grandissime cose. Nei momenti più difficili siamo rimasti uniti e siamo più forti per questo. Sono immensamente orgoglioso di tutti voi, e non vedo l’ora di vedere cosa succederà dopo.

 

Auguro a tutti voi tanta salute e felicità per il nuovo anno.

 

PSH CBE 

Condividi con gli amici:

52303794673_cfc9ee5946_o

Ci siamo quasi a 1.000 parkrun!

Vi siete mai chiesti chi ha completato più parkrun in assoluto, o chi ha accumulato più crediti per il volontariato? Vi presentiamo Darren Wood e Nicki Clark!   Alcuni di voi vi sorprenderete a sapere che nessuno dei due parkrunner fu presente al primo parkrun nel 2004. Ma da quando Darren e Nicki iniziarono a…

GLOBAL VOL3

Sfatare i miti sul volontariato

Dalle nostre ricerche sul volontariato a parkrun quest’anno, abbiamo identificato otto miti diffusi che, a volte, possono impedire alle persone di fare volontariato. Intendiamo sfatare quei miti per l’ultima volta, per assicurarci che tutte le persone, a prescindere dalla loro età, le loro capacità e il loro background, sappiano che sono sempre benvenuti a parkrun….