Vita da parkrunner - 26th gennaio 2022

10 consigli per praticare mindfulness

Waterford Nature parkrun in partnership with Vhi

A parkrun, basta presentarti per iniziare. La mindfulness coach, Davina Driver dal parkrun di Dømmesmoen a Grimstad in Norvegia ci farà conoscere alcune strategie concrete di mindfulness che ci aiuteranno ad apprezzare tutto quello che parkrun, e i nostri dintorni, hanno da offrire.

 

Di recente ho letto un libro che mi ha fatto pensare a parkrun, come un posto dove qualcosa di magico succede ogni settimana e come noi dovremmo vivere una vita spinta piu’ fortemente dalla curiosita’ che dalla paura. Se dobbiamo utilizzare un cliché, è solo quando noi usciamo fuori dalla nostra zona di conforto che la vera magia può accadere.

 

A parkrun, questo può significare semplicemente presentarti. Non significa correre il più forte o il più veloce possibile, ottenere un record personale ogni settimana, o finire per primo. Significa semplicemente esserci e fare quello che si può, con gli strumenti che si hanno quel giorno. Alcuni sabati andranno meglio rispetto ad altri. La nostra motivazione può oscillare da settimana a settimana. Il tuo cuore potrebbe essere appesantito o leggero in base al tuo umore. Tutto ciò non ha importanza, basta che ti impegni a venire. Basta semplicemente presentarti.

 

In qualità di Mindfulness Coach, posso anche consigliarti alcune strategie che si possono mettere in pratica per aiutarti nell’ impegno ad essere presente.

 

1. Controlla lo stato del tuo corpo. Prendi in considerazione le condizioni del tuo corpo, oggi. Ti senti motivato o apatico? Ascolta il tuo corpo. Se è pronto per quella spinta in più, bene! Se ha bisogno di una mattinata più leggera, va pure bene.

 

2. Sii consapevole del tuo respiro. Cerca di stabilizzarti. Sii consapevole di dove lo percepisci. Lo senti nel petto? Nella pancia? Ai lati del tuo corpo? Nella schiena? Poi, cerca di essere consapevole del tuo corpo intero che respira mentre ti godi il tuo parkrun. In realtà si può meditare mentre si cammina, si corre o si fa il volontariato concentrandosi sul respiro e portare la tua attenzione su esso ogni volta che ti distrai. Se ti trovi da solo durante il volontariato, puoi concentrarti sul respiro mentre aspetti i partecipanti.

 

51394482632_abdaebf7e2_o (1)

 

3. Sii presente nel momento. Sii consapevole consciamente del movimento che fai. Se partecipi con altre persone, interagisci con loro. Ascoltali attentamente, dai a loro la tua attenzione totale.

 

47613386331_b19b389a7b_o

 

4. Usa tutti i cinque sensi. Prova a togliere gli auricolari! Apprezza il fatto che sei fuori in mezzo alla natura. Cosa vedi? Cosa senti? Questa è un’ottima strategia che ti permette di portare un senso di consapevolezza al momento attuale. Se partecipi come volontario e arrivi presto la mattina o ti trovi in un posto isolato, goditi il silenzio. Ascolta gli uccelli, guarda il sole sorgere, senti l’odore dell’aria e guarda le foglie.

 

42427040190_0134dd4dcb_o

 

5. Presta attenzione ai tuoi pensieri senza giudicare. Il parkrun ci mette a disposizione uno spazio prezioso dove possiamo accorgerci di quello che sta succedendo nella nostra mente, spesso piena di pensieri. Prova ad osservare i tuoi pensieri come nuvole che volano via. Cerca di non immedesimarti troppo o ignorare pensieri specifici. Lasciateli andare. Presta attenzione alla fluidità dei tuoi pensieri e come lo stato della tua mente cambia costantemente. Sii attento a quali pensieri sono meno presenti e quali prevalgono. C’è qualcosa che va attenzionato? Questo è un buon momento per sviluppare un senso di chiarezza nella tua mente.

 

6. Pratica l’auto-compassione. Se il tuo parkrun non sta andando come speravi o la tua mente è piena di pensieri e ti senti stressato, ricordati che stai facendo del tuo meglio. Sei sveglio e sei uscito di casa il sabato mattina! Sei attivo! Respiri! Va tutto alla grande! Resta sul semplice.

 

48942289513_4f46818e62_o

 

7. Pratica la comprensione verso gli altri. Ascolta attivamente quando un’altra persona ti parla. Apprezza gli sforzi fatti dagli altri per essere presenti il sabato mattina. Anche loro si stanno sforzando a fare il loro meglio, come te. Cerca di percepire il senso dell’umanità in comune a parkrun, l’esperienza condivisa. Considera il concetto africano di Ubuntu – io sono perché noi siamo. Se partecipi da solo, apprezza lo stare da solo insieme ad altri.

 

8. Dimostra gratitudine. Per la tua salute. Per gli altri. Per la comunità. Per gli spazi all’aria aperta. Per le tue nuove scarpe da corsa. Per qualsiasi cosa tu sia grato, fissalo nella tua mente e sussurra un piccolo “grazie’. Praticare regolarmente la gratitudine riduce lo stress e ci fa sentire più felici! Se ti senti un po’ giù di morale, ricordati che la gratitudine è l’emozione positiva più facilmente raggiungibile.

 

38029469965_fd637b0285_o

 

9.Sii presente nel momento mentalmente e fisicamente. La mindfulness non vuol dire sforzarsi. Valuta quello che riesci a fare quel giorno. E’ proprio in quel momento lì che inizia la magia. Come si suol dire, non abbiamo bisogno di una manciata di persone che lo facciano perfettamente. Abbiamo bisogno di milioni di persone che lo facciano in maniera imperfetta. Bisogna lasciar andare le proprie aspettative alte. Se stai leggendo quest’articolo ma hai troppa paura di provare parkrun perché non ti senti abbastanza pronto (so che siete in tanti che pensate questo….) basta presentarti! Non devi essere in forma per iniziare a parkrun.

 

10. Procedi piano piano. Divertiti! Ridi. Non prenderlo troppo sul serio. La cosa più importante da ricordare sarebbe: è solo un parkrun. Non farne un dramma. Non importa la tua performance o il tuo umore, il parkrun sarà sempre presente, ogni sabato, ad aspettarti.

 

271552807_1551762315216548_620184838835098687_n

 

Davina Driver

A5569231

Dømmesmoen parkrun

 

Condividi con gli amici:

GLOBAL VOL3

Sfatare i miti sul volontariato

Dalle nostre ricerche sul volontariato a parkrun quest’anno, abbiamo identificato otto miti diffusi che, a volte, possono impedire alle persone di fare volontariato. Intendiamo sfatare quei miti per l’ultima volta, per assicurarci che tutte le persone, a prescindere dalla loro età, le loro capacità e il loro background, sappiano che sono sempre benvenuti a parkrun….

Melkbosstrand

11 anni di parkrun Sudafrica!

Il fine settimana scorso, parkrun Sudafrica ha compiuto 11 anni, e sono stati 11 anni fantastici! Per festeggiare, Bruce Fordyce, il presidente di parkrun Sudafrica riflette su com’è iniziato tutto e quanta strada abbiamo fatto.   Credo che fu un giorno a dicembre di qualche anno fa quando vidi involontariamente un messaggio sui social da…