Uncategorized - 27th settembre 2022
Tags:

Spiegazione del ruolo di parkwalker

parkwalker

Come parte della campagna parkwalk di ottobre, sarà introdotto un ruolo di volontariato completamente nuovo: il parkwalker!

 

È stato creato per dimostrare che camminare a parkrun è una cosa che viene incoraggiata ed apprezzata.

 

Perché “parkwalker”?

 

L’inclusività e la partecipazione, piuttosto che la velocità, sono stati un principio fondamentale di parkrun fin dal primo giorno.

 

I partecipanti possono camminare, fare jogging o correre alla velocità che desiderano, avendo la certezza che saranno tutti accolti e festeggiati. Nessuno arriva ultimo a Parkrun e non ci sono limiti di tempo.

 

Le persone camminano per una serie di motivi di salute e sociali: per stare insieme e chiacchierare, per sostenere gli altri, per trascorrere del tempo all’aria aperta o perché magari stanno facendo i primi passi importanti verso uno stile di vita più attivo.

 

An elderly man is wearing a red jumper and walking in a park, just in front of the tail walker.

 

Nonostante ciò, le nostre ricerche ci dicono che alcuni pensano che se camminano a parkrun rallenteranno gli altri, li costringeranno ad aspettare, saranno da soli o non saranno accolti bene.

 

Mentre ogni parkrun ha un Camminatore di Coda volontario che offre supporto e incoraggiamento, e soprattutto assicura che nessuno arrivi ultimo, il nuovo ruolo di parkwalker estenderà questo sostegno lungo il percorso dell’evento, assicurando che il tifo sia presente per tutti quelli che camminano al parkrun.

 

A young man and woman are smiling at each other, walking and wearing the blue parkwalker vests.

 

L’aggiunta del ruolo di parkwalker offre un altro modo accessibile, semplice e divertente di partecipare a parkrun come volontario e aiuterà ad aumentare la visibilità della camminata a parkrun nelle nostre comunità.

 

I parkwalker riceveranno sia un punto di volontariato che una corsa/camminata sul loro profilo (a condizione che abbiano il loro codice a barre) dopo lo svolgimento di questo ruolo.

 

Cosa fa il parkwalker?

 

Il parkwalker è il volto amico che sostiene e incoraggia i camminatori, come parte del nostro impegno ad aumentare il numero di persone che camminano ai nostri eventi.

A lady is wearing a black 100 milestone tee and walking away from the camera down a path.

 

Durante l’evento, i parkwalker si posizioneranno davanti al Camminatore di Coda ma dietro a chi corre. Possono fungere da marshal in movimento e aiutare tutti quelli che camminano, assicurando che si sentano parte della comunità di parkrun.

 

I parkwalker svolgeranno un altro ruolo importante nell’evidenziare la natura inclusiva di parkrun a coloro che non hanno ancora partecipato… semplicemente con la loro presenza.

 

Volete farvi coinvolgere?

 

Sebbene il ruolo sia facoltativo, sarebbe fantastico se il maggior numero possibile di persone si offrisse come parkwalker. Se vi piace l’idea di partecipare, contattate il vostro evento più vicino il giorno della corsa o inviate un’e-mail.

 

#parkwalk 

 

Collegamenti ad altri articoli:

 

https://blog.parkrun.com/it/2020/12/03/dalle-parole-ai-fatti-la-storia-dei-camminatori-di-coda/

 

https://blog.parkrun.com/it/2019/11/03/i-camminatori-sono-benvenuti-a-parkrun/

 

parkwalker – Volunteer Hub

 

Condividi con gli amici:

GLOBAL VOL3

Sfatare i miti sul volontariato

Dalle nostre ricerche sul volontariato a parkrun quest’anno, abbiamo identificato otto miti diffusi che, a volte, possono impedire alle persone di fare volontariato. Intendiamo sfatare quei miti per l’ultima volta, per assicurarci che tutte le persone, a prescindere dalla loro età, le loro capacità e il loro background, sappiano che sono sempre benvenuti a parkrun….

Melkbosstrand

11 anni di parkrun Sudafrica!

Il fine settimana scorso, parkrun Sudafrica ha compiuto 11 anni, e sono stati 11 anni fantastici! Per festeggiare, Bruce Fordyce, il presidente di parkrun Sudafrica riflette su com’è iniziato tutto e quanta strada abbiamo fatto.   Credo che fu un giorno a dicembre di qualche anno fa quando vidi involontariamente un messaggio sui social da…