Vita da parkrunner - 13th ottobre 2022

Uno spazio sicuro

Alicia BH

Alicia Hopper è un’infermiera che ha sempre incoraggiato gli altri ad avere un dialogo aperto sulla salute mentale ma quando si trattava della sua salute mentale, inizialmente ha avuto difficoltà. Alicia descrive come è arrivata ad accettare la sua salute mentale e come fare parte di parkun l’ha aiutata a gestirla.  

Quando avevo circa 25 anni mi è stata diagnosticata la depressione clinica.

E’ stata fatta in un momento dove tutto stava andando benissimo nella mia vita. Avevo un ottimo lavoro, un fantastico fidanzato e stavamo organizzando il nostro matrimonio. Sarei dovuta essere molto felice, invece, a parte andare al lavoro, non riuscivo ad alzarmi dal divano. Mi sono resa conto finalmente che non era normale e quindi sono andata dal mio medico curante. Mi è stata diagnosticata la depressione e ho iniziato a prendere gli antidepressivi.

 

Nonostante fossi un’infermiera che parlava sempre con i pazienti di come non bisogna vergognarsi della salute mentale o le malattie mentali, io continuavo a vergognarmi del fatto che dovevo assumere gli antidepressivi, sentendomi come se avessi fallito in qualche modo.

 

Screenshot 2022-10-04 at 15.19.51 (2)

 

Tuttavia, quando ho ammesso a me stessa di avere la depressione e mi è stata fatta la diagnosi, mi si è tolto un peso enorme. Appena ho saputo che c’era qualcosa che non andava potevo farci qualcosa.

 

Di conseguenza, ho iniziato a concentrarmi di più sul mio benessere fisico e mentale. parkrun mi ha aiutato tanto a mantenere una buona salute mentale.

 

parkrun offre stabilità, si svolge ogni sabato mattina, alla stessa ora e visto che la comunità è così accogliente e sicura se non dovessi avere uno stato d’animo positivo, posso andarci lo stesso e sedermi con i miei amici o camminare con loro. Non vengo giudicata. E’ uno spazio sicuro.

 

Screenshot 2022-10-04 at 15.20.22 (2)

 

Avrò sempre la depressione. La vedo come una malattia cronica, come qualcuno che ha il diabete o una malattia cardiaca o una malattia renale. E’ una cosa alla quale devo pensare e gestire con una serie di strumenti nel cassetto.

 

Ci sono state giornate negli anni passati quando non volevo camminare, quindi mi sono seduta insieme ai volontari. Ho detto ‘guarda, perché non aiuto a sistemare i token’ o ‘vado a prendere i caffè per i volontari’. Ciò significa che sono ancora in compagnia delle persone ma non devo dare nessuna spiegazione.

 

In fin dei conti, parkrun è sinonimo di comunità.

 

Alicia Hopper

Condividi con gli amici:

GLOBAL VOL3

Sfatare i miti sul volontariato

Dalle nostre ricerche sul volontariato a parkrun quest’anno, abbiamo identificato otto miti diffusi che, a volte, possono impedire alle persone di fare volontariato. Intendiamo sfatare quei miti per l’ultima volta, per assicurarci che tutte le persone, a prescindere dalla loro età, le loro capacità e il loro background, sappiano che sono sempre benvenuti a parkrun….

Melkbosstrand

11 anni di parkrun Sudafrica!

Il fine settimana scorso, parkrun Sudafrica ha compiuto 11 anni, e sono stati 11 anni fantastici! Per festeggiare, Bruce Fordyce, il presidente di parkrun Sudafrica riflette su com’è iniziato tutto e quanta strada abbiamo fatto.   Credo che fu un giorno a dicembre di qualche anno fa quando vidi involontariamente un messaggio sui social da…